BELLONA. Successo dell’evento “Progetto Tireo”, attività di prevenzione e diagnosi precoce dei disturbi della tiroide

BELLONA – Successo dell’evento “Progetto Tireo” tenutosi presso il comune di Bellona giovedì 6 dicembre 2018, attività di prevenzione e di diagnosi precoce dei disturbi della tiroide presentata dall’assessorato alla sanità del comune di Bellona, di cui è responsabile il vice sindaco Giovanni Sarcinella. La diagnosi precoce, con visita clinica ed esame ecografico consente anche in caso di noduli di natura matrigna, , di essere sottoposti ad un trattamento efficace, con il risultato di una completa guarigione. L’amministrazione comunale bellonese guidata dal sindaco Filippo Abbate continua dunque l’attività importantissima di prevenzione di patologie complesse.

All’iniziativa ha partecipato il dottore Pierluigi Paternuosto, senologo, specialista in radiodiagnostica e la dottoressa Carmela Ferrante, specialista in endocrinologia e scienze dell’alimentazione; non è mancata la collaborazione con l’ASL Caserta per l’ulteriore attività di distribuzione di 50 kit per la ricerca del sangue occulto per la diagnosi precoce del cancro del colon retto, prenotati 20 pap test per lo screening di prevenzione del tumore del collo dell’utero e 30 mammografie per lo screening di prevenzione del tumore al seno. “Un modo per essere vicini a chi ha bisogno di visite specialistiche –dice Sarcinella– effettuate grazie alla disponibilità di professionisti che hanno risposto con generosità e prontezza a tale lodevole iniziativa, voluta fortemente dal sindaco Abbate e da tutta la nostra Amministrazione comunale. Colgo l’occasione per ringraziare nuovamente, per l’opera totalmente gratuita offerta alla nostra comunità, tutti i medici specialisti che sono stati i protagonisti delle nostre iniziative volte alla tutela della salute dei nostri cittadini.

100 sono state le persone che si sono presentate per sottoporsi alla visita tiroidea, 60 delle quali effettueranno la visita endocrinologica e l’ecografia in una nuova seduta nel mese di gennaio. Per il 2019 è allo studio la valutazione di continuare il nostro il progetto di prevenzione con visite di altra natura, perché ”.

Share Button