Carinola (CE). Gli operatori ecologici senza stipendio da 6 mesi. F.L.A.I.C.A. CUB mobilita il Prefetto di Caserta

a cura di Giovanni Luberto

 

CARINOLA (CE). E’ allarmante la condizione economica alla quale sono esposti i dipendenti impiegati nel cantiere dei Servizi Ambientali del Comune di Carinola.
Infatti, i lavoratori non percepiscono lo stipendio da circa 6 mesi, ed il Comune non assume alcuna posizione favorevole alla risoluzione della problematica. Anche l’azienda sembra che risulti non in regola con il documento unico di regolarità contributiva, per cui, non è in condizione di ricevere pagamenti dal committente.
A rendere ancora più preoccupante la situazione, inoltre, ultimamente sembrerebbe che lo stesso Comune incarichi una seconda azienda per la raccolta dei rifiuti, la quale opererebbe con personale proprio poiché le difficoltà strutturali della Go Service S.c.a.r.l.  non consentirebbero di garantire i regolari servizi di raccolta in quanto il parco automezzi risulterebbe tutt’oggi inadeguato ed insufficiente.

Pertanto, considerata l’enorme clima di incertezza e la precaria condizione lavorativa ed economica, la F.L.A.I.C.A. UNITI C.U.B. ha formalmente richiesto un intervento urgente del Prefetto di Caserta, attraverso una convocazione, al fine di giungere alla conclusione di una vicenda che si trascina ormai da diversi mesi.

“Lo stallo in cui si trova il Comune di Carinola, per quanto ci riguarda, – dice il Segr. Prov. G. Guarino nel suo comunicato – andrebbe superato risolvendo il contratto con la GoService, azienda colpita da interdittiva antimafia nel luglio del 2017, inadempiente sia per il mancato pagamento delle retribuzioni che dei contributi. Questa, secondo noi, l’unica strada praticabile che consentirebbe ai lavoratori di percepire almeno gli stipendi correnti, evitando l’accumulo di ulteriori mensilità.”

Share Button