CASERTA. Caserta, 118 , Ficco (SAUES), stop sciopero ma pronti a azioni clamorose in caso di inadempienze Asl

CASERTA

Caserta, 118 , Ficco (SAUES), stop sciopero ma pronti a azioni clamorose in caso di inadempienze Asl

CASERTA – È stato revocato oggi lo sciopero di 12 ore del personale medico di emergenza urgenza territoriale dell’Asl di Caserta previsto per martedì 5 giugno 2018 sull’intero territorio della provincia. Lo annuncia Paolo Ficco, Presidente nazionale del SAUES (Sindacato Autonomo di Urgenza ed Emergenza Sanitaria) , l’organizzazione maggiormente rappresentativa dei medici che svolgono attività nei Servizi di Emergenza Territoriale (“Servizio 118”), di Pronto Soccorso Ospedaliero, delle Centrali Operative 118 e dei DEA di I e II livello. “Con questa decisione già comunicata alla Prefettura e all’azienda” – sottolinea Ficco – “prendiamo atto degli ulteriori impegni assunti dalla direzione sanitaria in ordine alla gravità dei problemi dovuti alla cronica carenza di personale. Medici che non solo sono esposti a turni insostenibili e alle aggressioni in strada o nelle strutture sanitarie, ma anche al rischio di pesanti procedimenti penali quando a fine turno non c’è un collega per lo smonto. Temi questi” – aggiunge – “che hanno peraltro ricadute assolutamente negative sulla qualità del servizio”. “Oggi, con senso di responsabilità” – prosegue – “prendiamo atto della rinnovata volontà aziendale di risolvere questa crisi, pronti a dare il nostro contributo alla riorganizzazione del sistema di emergenza urgenza per garantire a tutto il personale, in tutte le postazioni, il rispetto dei propri diritti”. “Pronti cioè a fare la nostra parte, ma anche ad azioni clamorose, anche giudiziarie, in caso di reiterata inadempienza aziendale”, conclude il Presidente Saues, Paolo Ficco.

Share Button