MONDRAGONE. ARTE E CULTURA DURANTE LA FESTA DI FERRAGOSTO CON PASQUALE SORRENTINO E DOMENICO MERENDA

MONDRAGONE. Sabato 12 agosto, alle ore 21,00 aprirà i battenti “Espressioni cromatiche”, la doppia personale degli artisti Domenico Merenda e Pasquale Sorrentino, mostra d’arte contemporanea ospitata nei locali dell’istituto “De Amicis” in viale Margherita, 103 a Mondragone durante la festa di Ferragosto e fino a domenica 20.

Al vernissage saranno presenti gli artisti.

L’evento è curato dall’associazione culturale “Studio 21” e patrocinato dal comune di Mondragone, assessorato alla cultura.

L’arte si pone – secondo i due artisti- come strumento di riflessione per guardare da una diversa prospettiva il vivere quotidiano, un momento di pausa per osservare il presente e partecipare alle dinamiche moderne.

Domenico Merenda vive a Sant’Andrea del Pizzone, paese del casertano che lo ospita sin dalla nascita. L’artista ha già esposto in diverse località italiane, riscuotendo notevoli interessamenti da parte di pubblico e critica. Nato nel 1964, autodidatta, ha raggiunto un’originale cifra stilistica caratterizzata da un acceso cromatismo, fatto di tratti istintivi e al contempo fortemente meditati. Alla personale presenterà i suoi ultimi lavori, caratterizzati in prevalenza da una ricerca basata sulla composizione/scomposizione della figura.

Pasquale Sorrentino, affermato e noto al grande pubblico per le sue numerose performances artistiche, di recente anche a Dubai e New York, presenterà per l’occasione la sua ultima produzione, basata su una seria riflessione sul tema della comunicazione nella società contemporanea che, impigliata della “rete” stenta, secondo l’artista, a manifestarsi liberamente. Originario di Mondragone, da anni la critica militante mostra attenzione nei suoi confronti. Le sue opere sono presenti in importanti collezioni italiane ed estere.

I due artisti, già in mostra insieme a Mondragone e in diverse località italiane -Capua, Ferrara, Riccione, Teano, Tivoli, Napoli, Caserta-, presenteranno, tra pittura e scultura, circa trenta opere. Gli organizzatori di “Studio 21” registrano grande entusiasmo e si dicono fiduciosi per la riuscita dell’evento che, di certo, non mancherà di affascinare non solo gli addetti ai lavori, ma anche tanti semplici appassionati d’arte. (di red.)

 

Share Button