Rosatellum: contro il trionfo della casta parte il 15 giugno la raccolta firme per il referendum

A metà giugno parte la raccolta firme per un referendum che vuole abrogare parzialmente la legge elettorale, il cosiddetto Rosatellum. ll 23 aprile, alla Camera dei deputati, il Comitato promotore del referendum ha presentato i quesiti referendari depositati al competente Ufficio presso la Suprema Corte di Cassazione. L’iniziativa referendaria, ispirata al giurista scomparso a gennaio Carlo Felice Besostri, sta riscuotendo molte adesioni trasversali agli schieramenti politici e culturali. Ai quesiti referendari hanno lavorato,con Besostri, Paolo Antonio Amadio, Sergio Bagnasco e l’ex senatore liberale Enzo Palumbo. Il comitato, oltre alla presidente Elisabetta Trenta, ha registrato l’adesione di Giorgio Benvenuto come presidente d’onore, mentre la vicepresidenza è stata affidata a Enzo Palumbo, Raffaele Bonanni, Sergio Bagnasco. La segreteria organizzativa è opera di Riccardo Mastrorillo, Luigi Spanu e Thomas Agnoli. Il tesoriere è Pietro Morace.Tra i numerosi componenti, figurano: Enzo Paolini, Marco Cappato, Nella Toscano, Paolo Antonio Amadio, Nicola Bono, Erminia Mazzoni, Mario Walter Mauro, Francesco Campanella, Mauro Vaiani, Matteo Emanuele Maino, Vittorio Delogu, Giuseppe Gullo, Roberto Biscardini, Giuseppe Gargani, Mario Tassone.

I quesiti referendari sono quattro e interessano specifici aspetti della normativa in vigore:1) Abolizione del voto congiunto tra candidati uninominali e liste plurinominali (Si permette la libertà di scelta tra lista proporzionale e candidato uninominale).2) Niente soglie di accesso per liste autonome e per coalizioni (Si riduce la dispersione di voti validi e si garantisce un maggiore pluralismo nella rappresentanza politica del popolo italiano).3) No pluricandidature e ogni candidato solo nel suo collegio(Si impedisce agli apparati di partito di predeterminare la composizione del Parlamento e si riduce il numero dei parlamentari “fedeli collaboratori dei capi partito”).4) Tutte le liste devono raccogliere le firme per proporre candidature(Si abolisce il privilegio che esonera dalla raccolta di firme i partiti già presenti in Parlamento che assicura a tutte le forze politiche di partire alla pari nella competizione elettorale).

iovoglioscegliere.it è il sito del Comitato referendario per la Rappresentanza dove trovare chiarimenti sul funzionamento della legge elettorale per il Parlamento e le informazioni sui quesiti presentati per abrogarla. E’ possibile aderire al comitato della propria città, partecipare alle iniziative che verranno programmate, sostenere economicamente la campagna e firmare con SPID il referendum. (No Rosatellum Prima parte)