S.Nicola la Strada – Comune debitore verso la Banca Farmafactoring per 1.989.392 euro

Il comune sannicolese si impegna, con accordo transattivo, a saldare il debito in 9 rate, la prima, di 250.000 euro, entro il 31 ottobre 2019, l'ultima entro il 31 ottobre 2021

SAN NICOLA LA STRADA – Un’altra tegola cade sulla testa del Comune di San Nicola la Strada, guidato dal Sindaco del Partito Democratico, Vito MAROTTA. L’ente di Piazza Municipio si trova a dover pagare la bellezza di 1.989.392 euro alla Banca Factoring, che ha acquistato i crediti vantati dalla Società ENI S.p.A. e DHI di Nardi Holding Industriale S.p.A. nel corso degli anni: 2014 – 2015 e 2016.

È quanto si evince dalla delibera di Giunta Municipale nr. 117 del 24 ottobre 2019. Infatti, dalla premessa di detta delibera si evince che il Comune di San Nicola la Strada risulta essere debitore nei confronti della Banca Farmafactoring quale cessionario di crediti vantati nei confronti dell’Ente da parte della DHI ed ENI; la prima quale appaltatrice del servizio di raccolta dei rifiuti solidi ed urbani la seconda quale società erogatrice di energia elettrica su varie utenze comunali.

Tale situazione debitoria risale a prestazioni rese negli anni 2014 – 2015 – 2016 e le relative fatture sono state emesse in costanza di regolari contratti di fornitura/servizio a fronte di prestazioni regolarmente rese all’Ente. Per la verità il debito sarebbe stato ancora più alto se la Banca Farmafactoring e il comune sannicolese non fossero pervenuti ad un accordo bonario transattivo. In data 21.09.2018 venne notificato all’Ente ricorso per ingiunzione – D.I. N. 1872/2018 del 18.07.2018 R.G. n. 6150/2018 – innanzi al Tribunale di Santa Maria Capua Vetere promosso dalla Banca Farmafactoring S.P.A. (già Farmafactoring S.P.A.) in persona dell’avv. Roberto Castiglioni, rappresentata e difesa dall’avv. Monica FAZIO con studio in Milano, Via S. Barnaba, n.30, teso ad ottenere i crediti vantati dalla Società ENI S.P.A. e DHI di Nardi Holding Industriale S.P.A. nei confronti del Comune di San Nicola la Strada, crediti pro soluto ceduti alla ricorrente, per un importo di €uro 2.342.327,51 (oltre spese legali e notarili) scaturito da €uro 1.931.972,00 sorta capitale ed €uro 410.355,51 (per interessi al 05/06/18).

Il comune si costituiva in tale giudizio con delibera di G.C. 129 del 16/10/2018 e con determina nr. 534 del 26/10/2018 conferiva l’incarico di assistenza e difesa in giudizio al legale convenzionato dell’Ente Avv. Francesco Maria Caianiello. al fine di evitare l’alea del giudizio con ulteriori aggravi per l’Ente anche in vista di una molto probabile soccombenza, per il tramite dei legali incaricati, le parti in giudizio intrattenevano una serie di contatti per addivenire a una soluzione transattiva della vertenza.

Con la delibera sopradetta, l’ente locale sannicolese ha stabilito anche di accettare le condizioni imposte dalla controparte risparmiando così parecchi soldi. In particolare, l’Ente Comune si obbliga ad estinguere l’esposizione debitoria determinata in via transattiva in € 1.969.318,09 (€ 1.730.871,09 per sorta capitale di cui al D.I. n. 1872/2018 e spese ed € 238.447,00 per interessi determinati in via transattiva sulla concessa dilazione) nel seguente modo:

a) prima rata di € 250.000,00 entro il 31/10/2019;
b) seconda rata di € 250.000,00 entro il 15/12/2019;
c) terza rata di € 60.000,00 entro il 31/03/2020;
d) quarta rata di € 120.000,00 entro il 30/06/2020;
e) quinta rata di € 600.000,00 entro il 30/09/2020;
f) sesta rata di € 60.000,00 entro il 31/12/2020;
g) settima rata di € 60.000,00 entro il 31/03/2021;
h) ottava rata di € 60.000,00 entro il 30/06/2021;
i) nona rata di € 509.318,09 entro il 31/10/2021.

L’Ente Comune si obbliga a corrispondere al Consulente incaricato Comm. dott. Errico Ronzo la somma di somma di 15.000 euro oltre oneri fiscali come per legge.