MADDALONI. L’On. Antonio del Monaco presenta al Villaggio dei Ragazzi il suo ultimo libro “Il Politomane la storia di Francesco”

Presenti Roberto Fico, Salvatore Micillo, Giandomenico Lepore e don Luigi Merola

MADDALONI – Si terrà venerdì 8 febbraio 2019, con inizio alle ore 18.00, presso la Sala Chollet della Fondazione Villaggio dei Ragazzi di Maddaloni, la presentazione dell’ultimo libro dell’on. Antonio del Monaco del M5s dal titolo: “Il Politomane la storia di Francesco” con cui analizza sintomi e patologie della politica sempre più lontana dai bisogni della gente, estranea dallo svolgere la sua funzione e sempre più preoccupata di autoconservarsi o autoperpetuarsi. Unitamente all’autore interverranno anche l’On. Roberto FICO, Presidente della Camera dei Deputati; Salvatore MICILLO, Sottosegretario di Stato al Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare; Giovandomenico LEPORE, già Procuratore Generale della Procura di Napoli; don Luigi MEROLA, fondatore “ ‘A voce d’e’ Creature”.

Pubblicità elettorale

Il politomane vive un forte disagio che, spesso, può sfociare in una vera e propria patologia di tipo psichiatrico. Egli alterna una forma di bipolarità con forti segni maniacali nella gestione e utilizzazione del potere, e una fase depressiva legata alla fobia e alla disperazione nel timore della perdita del potere. Il suo legame con la politica è di natura tossica, con una grave forma di dipendenza. Nella sua tossicità, il politomane vive il suo ruolo in un autentico delirio di onnipotenza, curando eccessivamente la sua immagine, e ricercando visibilità attraverso la manipolazione e la millanteria. Egli ha difficoltà all’ascolto attivo, ascolta gli altri con grande superficialità; il suo unico pensiero è il mantenimento del potere, non mollare mai la “sedia”.

Questo stesso pensiero lo porta ad una ruminazione mentale che, nel tempo, diventa ossessiva e compulsiva, spingendolo ad una totale disperazione che può renderlo anche aggressivo. Il primo intervento terapeutico, allora, è quello di allontanarlo dal suo oggetto del desiderio, dal mondo della politica, perché la sua personalità inquinata deve essere necessariamente curata lontano dal “palazzo”.