Pubblicità elettorale

Pubblicità elettorale

Commissariato PS Aversa blocca attività di spaccio di droga tra padre e figlio

Nella serata di venerdì, personale della Polizia di Stato, ha tratto in arresto I.S., 41 anni, e denunciato a piede libero il figlio E. perché ritenuti responsabili del reato di detenzione e spaccio di sostanza stupefacente.

Gli agenti del Commissariato di Aversa, diretto dal Dott. Vincenzo Gallozzi, nell’ambito di un mirato servizio volto al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, attraverso un’attività di osservazione e pedinamento hanno scoperto una fiorente attività di spaccio gestita nei comuni di Teverola e Carinaro da I.S. e dal figlio diciottenne E.. Quest’ultimo, in particolare, aveva il compito di provvedere alle cessioni all’acquirente di turno della sostanza che veniva detenuta e confezionata in dosi dal padre presso l’abitazione di Carinaro.

Dopo aver ricostruito le modalità con cui venivano effettuate le cessioni di sostanza, gli agenti hanno prima fermato il giovane mentre effettuava uno scambio con un acquirente e poi si sono recati presso l’abitazione usata come base logistica per lo spaccio.

La successiva perquisizione domiciliare, effettuata alla presenza del I.S., ha consentito di rinvenire e porre sotto sequestro 12 dosi di cocaina, circa 69 grammi di Hashish e numeroso materiale utilizzato per il taglio ed il confezionamento della sostanza.

Sulla base degli elementi acquisiti, I.S., pregiudicato e figlio di I.E. ucciso negli anni ‘90 a seguito di un agguato di camorra, veniva tratto in arresto e associato presso la Casa Circondariale di santa Maria Capua Vetere mentre il figlio E. veniva denunciato a piede libero.

Pubblicità elettorale

Pubblicità elettorale