“Madame Juliet ” in carcere per riduzione in schiavitu’ e minacce con riti woodoo

La donna e' stata arrestata nel pomeriggio del 20 maggio 2020 dalla Squadra Mobile di Caserta

Caserta. In carcere ODUWARE Beverlyn detta Juliet, quarantacinquenne nigeriana da tempo residente in Italia.

La donna e’ stata arrestata nel pomeriggio del  20 maggio 2020  dalla  Squadra Mobile di Caserta in  esecuzione di un’Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere, emessa dalla Corte d’Assise di Napoli – 1^ Sezione Penale su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia.

Il provvedimento è stato emesso in quanto, come ricostruito dagli investigatori casertani su impulso della Procura Distrettuale partenopea, la donna si è resa responsabile di gravissime violazioni della misura degli Arresti Domiciliari, cui era sottoposta dal 5 marzo 2019. Appena un mese prima di questa data Madame Juliet   era stata messa in carcere in esecuzione di un Fermo di indiziato di delitto.

La  donna, infatti,  era stata ritenuta gravemente indiziata del delitto di riduzione e mantenimento in schiavitù, aggravata dall’aver agito in danno di una minore di anni diciotto e al fine di sfruttarne la prostituzione. Con lei era stato fermato anche un uomo, ritenuto responsabile di sfruttamento della prostituzione minorile.

L’Ordinanza eseguita ieri è stata emessa in quanto la ODUWARE si è resa promotrice di recenti minacce indirizzate alla ragazza , che aveva ridotto e mantenuto in schiavitu’, parte offesa , e alla sua famiglia, in ragione della denuncia che, al tempo,  la giovane aveva sporto nei suoi confronti. Dette minacce, in particolare, sono state indirizzate personalmente dalla madre della madame ai familiari della denunciante, presso la cui abitazione in Nigeria la donna si è presentata immediatamente dopo l’udienza dibattimentale del 29 aprile u.s. in cui era coinvolta la figlia per i fatti in questione.

Ivi, la madre della madame, tra le altre cose, ha minacciato di eseguire un rito woodoo per determinare la morte di coloro i quali avevano fatto del male alla propria figlia, portandola in tribunale.

Per tali motivi, nonché per altre condotte oppositive realizzate dalla ODUWARE contro l’autorità, la Corte d’Assise presso la quale è in essere il processo ha ritenuto non più idonea la misura degli arresti domiciliari cui era sottoposta l’aguzzina, aggravandola in Custodia in Carcere.

Al termine degli atti di rito, la ODUWARE, peraltro con una figlia neonata, è stata associata presso la casa Circondariale di Avellino, attrezzata anche per la minore, per ivi rimanere a disposizione dell’A.G.