Pubblicità elettorale

Pubblicità elettorale

ricostruzione sui motivi dell’aggressione al sindaco di castel volturno

Nel mentre si parla delle elezioni del nuovo presidente della provincia, ricostruiamo la vicenda che ha avuto ad oggetto l’aggressione al  sindaco di C. Volturno Dimitri Russo, malmenato da alcuni ragazzi all’esterno del Municipio.

L’aggressione è avvenuta nel mentre era in corso una fiaccolata non autorizzata in memoria dell’ragazzo adolescente (pezzo presente sulla nostra testata giornalistica) morto appena due giorni fa in un incidente che ha coinvolto lo stesso soggetto che viaggiava a bordo di uno scooter, con una bicicletta che  avrebbe tagliato la strada, al ciclomotore, facendo volare a terra il 16enne.

Ad onor del vero e di cronaca precisiamo che il conducente del ciclomotore non ha avuto la stessa sorte, bensì se l’è cavata con ferite lievi.

Decine di persone hanno sfilato dinanzi al comune protestando contro il sindaco per la mancata messa in sicurezza delle strade; il corteo stavo raggiugendo la SS Domitiziana ma Russo (il Sindaco) ha spiegato che i manifestanti non potevano sfilare senza autorizzazione: a questo punto alcuni ragazzi hanno raggiunto il sindaco prendendolo a schiaffi.

Russo si è dato alla fuga rifugiandosi in Comune protetto dai Carabinieri e polizia.

E’ sempre la stessa storia la “folla” ha sempre bisogno di un colpevole.

Individuare una vittima all’interno di un gruppo (popolo, etnia, scuola, squadra, famiglia, setta, confraternita) per poi spingerla ai margini di quel gruppo, permette di convogliare la violenza endemica verso un obiettivo esterno, che sia esso un individuo o una minoranza di individui, un politico corrotto o un immigrato clandestino. E non importa se siano colpevoli o innocenti, poiché la logica tribale del sacrificio è estranea alle corrispondenze del diritto. La maggioranza ha bisogno di emettere una condanna per mondare se stessa da ogni colpa: è la regola aurea del capro espiatorio. Nelle società moderne la costruzione del capro espiatorio avviene nell’intreccio malsano tra la propaganda dei governi e i pregiudizi popolari, tra manipolazione ideologica e credenze striscianti.

Pubblicità elettorale

Pubblicità elettorale