Pubblicità elettorale

Pubblicità elettorale

CASERTA. Botti illegali e pericolosi, spunta “Kim ‘o coreano”, più potente della “Bomba di Maradona”, paura per gli animali

NUNZIO DE PINTO

Botti illegali e pericolosi, spunta “Kim ‘o coreano”, più potente della “Bomba di Maradona”, paura per gli animali

CASERTA – Mancano solo poche ore alla fine del 2017 prima di dare libero sfogo al divertimento. La notte di Capodanno dalla maggior parte delle persone è vista come un momento ludico nel quale dire addio all’anno appena trascorso e festeggiare quello che sta arrivando. Per far si che i festeggiamenti per l’arrivo del nuovo anno non si trasformino in gravi incidenti a causa dell’uso maldestro dei fuochi illegali e pericolosi, numerosi sindaci dei comuni italiani hanno lanciato un appello a tutta la cittadinanza: “Si fa un gran parlare in questi giorni dei “botti di Capodanno” e degli incidenti che vedono protagonisti bambini e non, che, a causa di materiali esplosivi illegali, perdono occhi, mani, e a volte la vita. Per debellare questo fenomeno” – hanno in pratica sottolineato la stragrande maggioranza di primi cittadini – “è necessario un intervento deciso da parte di tutta la società civile”. Questi interventi si sono sempre più contraddistinti con campagne di sensibilizzazione soprattutto negli istituti scolastici, che nel corso degli anni, hanno contribuito a far sì che diminuissero i feriti causati dallo scriteriato utilizzo dei fuochi d’artificio. Una tendenza, purtroppo, che sta divenendo sempre più una realtà, ma non bisogna fermarsi qui. È necessario intensificare le iniziative di educazione anche nei confronti delle famiglie e invitare a denunciare chi conserve o detiene fuochi illegali il cui ricavato va ad alimentare principalmente le casse delle organizzazioni criminali. A tale scopo, gli artificieri della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri hanno spiegato quanto siano pericolosi i “botti” che potrebbero trasformare la notte più sfavillante dell’anno in un incubo infernale. In queste ultime 48 ore è spuntato una nuova “bomba” che è stata chiamata come il dittatore della Corea del Nord. È stata messa in vendita attraverso i canali “illegali” “Kim ‘o coreano” che, in pratica è stata costruita con una quantità di polvere pirica maggiore di quella con la quale venne costruita lo storico “Pallone di Maradona” o la “bomba di Bin Laden”. Secondo gli artificieri si tratta di “una trovata commerciale per attirare gli acquirenti”, ma non è altro che la riproposizione dei consueti e pericolosissimi ordigni che ogni anno vengono ribattezzati seguendo la cronaca e l’attualità del momento. A San Silvestro gli artificieri lavoreranno senza sosta, sarà intensa anche l’attività nei giorni successivi, volta alla raccolta dei botti inesplosi, assai pericolosi. L’anno scorso la regione Campania ha fatto registrare 52 feriti per i fuochi di San Silvestro, circa 3,6 tonnellate i fuochi classici sequestrati, oltre a 8.146 pezzi di fabbricazione illegale. L’opera di sensibilizzazione all’acquisto legale degli artifici pirotecnici da parte della Polizia “comincia dai banchi di scuola già un mese prima”. Ai ragazzi, così come ad ogni cittadino pronto a far brillare l’ultimo dell’anno, viene spiegato il corretto uso di questi prodotti che vanno comprati negli esercizi commerciali autorizzati, devono riportare sull’etichetta o sul foglietto allegato le istruzioni, che vanno lette con molta attenzione. Già con largo anticipo rispetto a San Silvestro sono partiti i controlli preventivi in depositi ed esercizi commerciali. La polizia giudiziaria, dal canto suo, investiga al fine di scovare eventuali nascondigli di fuochi illegali. Ma quando festeggiamo dobbiamo ricordarci che ci sono degli esseri viventi che non hanno nessun motivo per festeggiare: gli animali. Non facciamo riferimento solo a cani e gatti di casa, ma soprattutto a quelli che si trovano per strada ed a qualsiasi tipo di animale domestico e non. Mentre noi siamo con il naso all’in su per guardare quelle splendide forme che i fuochi d’artificio disegnano loro non si spiegano cosa stia succedendo: è come se un bambino di 1-2anni fosse in piena guerra! La cosa che più spesso accade è che conigli, uccelli e altri animali più deboli, soprattutto quelli che si trovano all’esterno di una casa, muoiano di infarto o abbiano degli incidenti durante la fuga da quel terribile rumore. Ci sono delle semplici regole che si possono applicare almeno per tutelare gli animali che si trovano in casa: Portare dentro casa le gabbie contenenti uccellini e/o conigli; Non tenere nessun animale sul balcone, terrazzi o simili (per la paura potrebbero buttarsi giù); Non tenere animali in giardino o a catena (tirando per scappare potrebbero strozzarsi); Tenere più alto il volume della radio o della televisione; Lasciargli a disposizione un posto dove si possa sentire al sicuro e dove possa nascondersi se ne sente la necessità. Invece, per tutti gli animali che si trovano, loro malgrado, per strada ci appelliamo al senso civico delle persone e al rispetto che ogni essere umano dovrebbe portare per qualsiasi specie vivente sul pianeta: Non sparare i botti è un gesto di civiltà.

Pubblicità elettorale

Pubblicità elettorale