Elezioni Regionali: Il Psi scende in campo in modo autonomo e con il proprio simbolo

Comunicato Stampa del Partito Socialista Italiano Federazione di Caserta

CASERTA. Il Partito Socialista Italiano sarà presente alle prossime Elezioni Regionali autonomamente e con il proprio simbolo.

La lista , curata nei particolari dai Coordinatori Provinciali Raffaele Piazza ed Espedito Ziello , sarà composta da amministratori comunali,professionisti, insegnanti , imprenditori e Sindacalisti tutti iscritti al Psi. Molto soddisfatti del lavoro fatto da Piazza e Ziello sono apparsi il Segretario Nazionale del partito Enzo Maraio e quello Regionale Michele Tarantino . venerdì 7 agosto sarà consegnata proprio nelle mani del segretario Regionale la lista casertana con allegata tutta la documentazione utile alla candidatura.

Quella Socialista è una lista  competitiva che rilancia definitivamente il Partito in Provincia di Caserta. Toccherà poi ai candidati ,ai simpatizzanti , a tutti i compagni della Provincia dare forza e sostanza alla lista PSI. 
la Federazione di Caserta ha espresso grande entusiasmo e da subito si è catapultata in campagna elettorale con l’obiettivo di poter esprimere un proprio consigliere al prossimo Consiglio Regionale della Campania.
Ai già ufficializzati,
Gianluca IANNUCCI
Vincenzo OLIVA
Francesco DI PUORTO,
si sono aggiunti
Baldassarre BORRELLI
Maria DI DONATO
Gaia GAGLIONE
Anna PINELLI.
Manca l’ultimo tassello che completerà una squadra composta da compagni e compagne caratterizzati fortemente da valori socialisti e di sinistra.
La difesa del Lavoro, la tutela dell’ambiente, la promozione del turismo, saranno alcuni dei macro temi che caratterizzeranno la prossima campagna elettorale della Lista Socialista di Terra di Lavoro.
L’impegno dei candidati e dell’intera Federazione, è quella di portare avanti soprattutto le istanze degli “invisibili”, delle categorie dimenticate.
Un punto di partenza per una crescita costante del Partito nell’intera provincia di Caserta, con un connubio perfetto composto dalla nostra nobile tradizione, unita alla modernità dei tanti Giovani.
Che Bella Storia e’ il Futuro