Maranola di Formia, V Edizione dei seminaria con il festival d’arte ambientale

L’estate 2018 è ancora in corso con una serie di eventi mozzafiato. Nelle giornate del 24, 25 e 26 agosto sarà Maranola di Formia ad ospitare per la quinta edizione il Festival Biennale di arte ambientale Seminaria Sogninterra.

Un gruppo di artisti si esibirà tra i vicoli, i giardini e le torri dell’antico borgo di Maranola, affacciato sul golfo di Gaeta. In aggiunta ci sarà un percorso espositivo di quasi un chilometro, con l’acqua come tema principale, non a caso in uno dei territori più colpiti dalla siccità nel 2017. Il percorso, designato come “La memoria dell’acqua“, presenterà installazioni ambientali, videoproiezioni, opere multimediali e interattive, sculture e murales.

L’evento, a cura di Isabella Indolfi, vedrà la partecipazione di artisti quali Bernardo Vercelli dei Quiet ensemble, Davide Dormino e Anna Frants, che tratteranno del loro rapporto con il paese,  Elena Gubanova, Ivan Govorkov, Licia Galizia, Luciano Sozio, Bifido, Claudia Col, Alexey Grachev, Sergey Komarov e i compositori Michelangelo Lupone e Laura Bianchini.

Ci saranno inoltre vari progetti inerenti al tema: Inside Out Project, un’azione collettiva inserita nel progetto globale di JR, vincitore del 2011 TED Prize, che invita gli abitanti di Maranola a condividere le loro storie e immagini con altre comunità di tutto il mondo e infine l’ ARCHITETTURE PRECARIE, con il patrocinio dell’Ordine degli Architetti di Latina, realizzerà un laboratorio formativo di autocostruzione rivolto a un gruppo di architetti e appassionati, per la creazione di una scultura luminosa in bambù.

Partendo da un’idea di Marianna Fazzi, nasce il progetto LEDIFICIO, realizzato dal collettivo curatoriale ALAgroup e dall’artista John Cascone. LEDIFICIO è una ex scuola ubicata nella parte più alta del borgo medievale di Maranola. Verrà realizzato Ledifico Infinito, un’ opera in tre movimenti o giornate che si manifesterà in un cantiere informe, animato da lezioni, laboratori, performance in cui si cercherà, attraverso delle pratiche di riscrittura collettiva, di dar forma ad altre possibili, infinite e inattese realtà.

Quest’anno non mancheranno forme di arte che utilizzano le nuove tecnologie, grazie alla collaborazione con il Cyland MediaArt Lab di San Pietroburgo, il CRM – Centro Ricerche Musicali di Roma e Coesum (azienda italiana specializzata nel product design e prototyping per l’industria manifatturiera).

A rafforzare il legame di Seminaria Sogninterra con le energie positive del territorio, c’è la collaborazione con il Camusac Cassino Museo Arte Contemporanea di Cassino, il Woodpark di Itri, il Teatro Bertolt Brecht e Radiomontealtino Rma di Formia.

Tante altre le realtà affini che aderiscono al network nazionale e internazionale, dal parco di land art Никола-Ленивец \ Nikola-Lenivets(Russia), al MOTA – Museum of Transitory Art di Lubiana (Slovenia), alle italiane THERE IS NO PLACE LIKE HOME, Blooming festival.

Fondamentale, anche quest’anno, il sostegno di UnipolSai di Michele Gradone e di Sound & Light Formia e con il patrocinio di Romaeuropa Festival, Comune di Formia, Parco Naturale dei Monti Aurunci, Parco Riviera Di Ulisse.