Regionali 2020. Parliamone con i candidati: GIANLUCA IANNUCCI DEL PSI

CASERTA. Manca ormai poco al rinnovo del consiglio regionale.Tanti sono i candidati che cercheranno di occupare un posto a Palazzo Santa Lucia. Belvederenews cercherà di intervistare la maggior parte di questi per capire quali solo i loro programmi e quelli del partito che rappresentano. Cominciamo da Gianluca Iannucci , capogruppo consiliare del PSI al Comune di Caserta.

Consigliere Iannucci innanzitutto partiamo dalla sua candidatura alle prossime regionali.

Mai mi sarei aspettato in così breve tempo di trovarmi catapultato in una realtà regionale. E di questa iniezione di fiducia voglio ringraziare tutti i compagni e in particolar modo l’onorevole Enzo Maraio. Questo testimonia che il percorso intrapreso è quello giusto e che la provincia di Caserta è pronta a catalizzare e risvegliare quell’anima socialista che da troppi anni è rimasta sopita e che invece è stata protagonista nella vita politica della regione Campania.

Cosa cambia per il PSI in questa tornata elettorale?

Tutto e niente. Ci contraddistingue un solo modo per creare consensi. Lavorare e lavorare sodo per dare risposte ai cittadini. Sarà anche una visione semplicistica la nostra ma è l’unico modo che conosciamo per stare affianco dei cittadini e per dare sfogo ai nostri talenti.

Ci puo’ fare qualche esempio?

Le rispondo cominciando delle  azioni che il PSI  ha messo in campo a Caserta negli ultimi giorni, se non nelle ultime ore. Dalla questione della villetta a via Rossini alla task-force che il PSI ha organizzato e della quale fanno parte il nostra Assessore Raffaele Piazza e componenti del direttivo cittadino. L’intento è quello di predisporre uno screening completo di tutte le buche presenti sul manto stradale cittadino e conseguente relazione da consegnare ai tecnici comunali. La Task-Force oltre ad occuparsi di buche stradali sta provvedendo anche al ripristino di alcune fontane presenti in città e da tempo non piu’ fruibili per i cittadini. Per Il Psi l’ acqua è un bene pubblico : il nostro partito si batterà affinché essi resti tale .Le fontane della nostra città , in molti casi, rappresentano un simbolo storico, architettonico  e religioso e in quanto tali, vanno tutelate come corollario della Reggia di Caserta intesa come volano dell’economia dell’intera provincia. A tal proposito, grazie all’impegno dell’ Assessore PSI Raffaele Piazza , siamo riusciti a ripristinare già ben quattro di queste una delle quali a Piazza Sant’ Anna che nei prossimi giorni sarà al centro dei festeggiamenti in onore della nostra patrona .

Qual’è il programma di Gianluca Iannucci e quindi del PSI  per le prossime elezioni regionali?

Nessuno deve restare indietro. E’ questo il motto che accompagna il Partito Socialista in ogni sua battaglia. E’ inutile dirvi che metteremo al centro di ogni nostra azione il diritto al lavoro e lo faremo con proposte concrete. Abbiamo, già nei mesi scorsi, presentato al nostro Segretario Nazionale e Consigliere Regionale Enzo Maraio un progetto turistico-occupazionale che vede al centro la Reggia di Caserta . Ci siamo battuti al fianco di tutti quei lavoratori della Jabil che sono stati ingiustamente licenziati e continueremo ininterrottamente a portare avanti le loro istanze. E’ inutile dirvi che la lotta al lavoro nero sarà una delle nostre priorità. Riguardo all’ economia ,abbiamo già preparato un documento che, tramite il nostro Enzo Maraio, faremo arrivare al Presidente Vincenzo De Luca. Crediamo fortemente che la ripartenza economica post Covid-19 ,passi oltre che con incentivi a favore dei commercianti anche con un abbassamento notevole dei tributi che gli stessi dovranno pagare.

Chiudendo il capitolo regionali mi sembra di capire che il sostegno all’attuale Governatore De Luca non sia minimamente in discussione.

E come potrebbe esserlo. Siamo stati l’unico partito a fine novembre, quando serpeggiava un certo malcontento della gestione De Luca, a prendere una posizione chiara e netta a favore del Presidente e soprattutto di una sua nuova candidatura . Non bisogna dimenticare che ,in quel periodo,persino alcune forze di centrosinistra erano molto critiche verso l’ operato di Vincenzo De Luca. Il triste momento di Pandemia e conseguente lockdown ha certificato poi l’ indiscusso valore politico del nostro Governatore tanto che lo stesso in poco tempo è passato a fungere da  faro e da esempio per tutte le altre Regioni.

Cambiamo argomento. Alla luce degli ultimi avvenimenti in seno all’amministrazione Marino quale è la posizione del Partito Socialista?

La sua domanda è per così dire leggermente tendenziosa. Allora le risponderò con alcuni dati di fatto. L’amministrazione Marino è riuscita a far convivere due aspetti che, sono chiaramente in antitesi tra di loro. La pacificazione strutturale dei conti pubblici con la visione prospettica della città attraverso l’apertura di molti cantieri. Quella del Sindaco Carlo Marino è stata un’amministrazione che non si è “pianta addosso” ed è stata in grado di individuare finanziamenti regionali da investire sul territorio,riuscendo nello stesso tempo a sanificare il debito comunale. Mi trovi lei un’amministrazione nell’arco degli ultimi venti anni capace di un virtuosismo del genere. Io non me ne ricordo.

Sarò più esplicito allora.  In che direzione politica crede che l’attuale amministrazione Marino stia andando?

Ecco appunto. La ringrazio per la semplice domanda. Ed è ovvio che lei sottintendesse anche alla ultima nomina in seno alla giunta comunale. Cercherò di essere chiaro ed esplicito per i cittadini che ci leggono. Il PD è stato sempre riconosciuto come il partito guida  di centro-sinistra in seno al consiglio comunale. Abbiamo atteso invano una sua reazione dopo la nomina inaspettata ad Assessore della Preside Adele Vairo , conosciuta prima di quel giorno come una Dirigente di Forza Italia. Riportando il tutto ad una mera questione partitica crediamo che il PD debba in un momento così delicato durante il quale nel giro di pochi mesi si celebreranno ben due competizioni elettorali amministrative , di fare una sorta di “glasnost” di “gorbacioviana” memoria. Il PSI è un partito in movimento. Non siamo per la mellifluità né per il multilateralismo politico. Noi giovani leve siamo solo custodi di una disciplina ed una appartenenza centenaria. Le nostre rotte possono essere ogni giorno diverse ma il nostro mare è e sarà sempre quello del liberal socialismo e quindi di un centrosinistra riformista. Da qui non si scappa. Solo quando avremo le idee chiare ed i progetti sul tavolo potremmo decidere il da farsi. I salti nel buio non ci appartengono. Siamo e saremo per la chiarezza politica. Noi siamo di parte e da una parte.

Sembra una dichiarazione di guerra.

Mai. Siamo il partito del dialogo e sempre lo saremo. Siamo e vogliamo essere riconoscibili. Con i nostri pregi ed i nostri difetti. Ma riconoscibili. Senza nessun tentennamento né riposizionamento. Noi siamo il Partito Socialista italiano.

Concludiamo con una domanda scontata: Iannucci perchè la gente dovrebbe votare lei e quindi il PSI?

Il Psi rappresenta garanzia di diritti. di giustizia sociale. Il nostro è un Partito in netta crescita . Stiamo lavorando con serietà sul tutto il territorio per restituire al Garofano Rosso agli antichi splendori del passato. Quel Garofano rosso che , come è noto, è stato riportato al centro del nostro simbolo dal Segretario Nazionale Enzo Maraio.Stiamo chiamando a raccolta tutti i compagni che per un motivo o per un ‘ altro si erano allontanati dal Partito. Ora più’ che mai  abbiamo bisogno di tutti. A loro il mio personale appello : Torniamo a votare il PSI ….E’ GIUSTO COSI’