Capua. Divieto di transito per i veicoli sul “Ponte Nuovo sul Volturno”: non tutti rispettano l’Ordinanza del Comune

di GESUALDO NAPOLETANO

CAPUA – Il “Ponte Nuovo sul Volturno”, costruito nella metà degli anni Cinquanta per coprire una distanza lunga più di cento metri sopra il fiume Volturno, torna a far parlare di sé.

Il ponte ancora oggi, dopo la decisione del Gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, è sotto sequestro in quanto rappresenta, a causa del grave deterioramento strutturale , un pericolo concreto per l’incolumità delle persone.

Va oltretutto ricordato che lo stesso ponte fu oggetto di un’Ordinanza (n° 25 del 7 settembre 2018) da parte del Comune di Capua che vietava il transito a tutti i veicoli sulla struttura pericolante.

A risentire maggiormente di questa Ordinanza emessa dall’Ente comunale sono stati fin da subito i mezzi di trasporto pubblico, soprattutto gli autobus che si sono adeguati a variazioni di percorsi, gravando talvolta sul servizio offerto ai cittadini a causa di ritardi e molto spesso mancati rispetti di coincidenza con altri bus.

Per non parlare poi dell’aumento di ore di lavoro per i conducenti dovuto ai percorsi alternativi più lunghi che obbligatoriamente bisogna intraprendere.

A quanto pare però, a detta di  , pochi conducenti si attengono al codice della strada rispettando la segnaletica apposta. Sembrerebbe infatti che alcuni “minibus” (da 18/19 posti) continuino a transitare sul Ponte Nuovo di Capua violando così l’Ordinanza comunale del 2018.