Casaluce/ Il Comune organizza raccolta di scorta alimentare

 

A Casaluce i contagi continuano ad aumentare e per i soggetti obbligati alla quarantena sanitari non possono  acquistare beni di prima necessita, come gli alimenti.
Per questo il Comune è venuto incontro a queste famiglie al fine di sopperire a tale gravissimo disagio attraverso l’istituzione di un deposito di alimenti di prima necessità e di lunga durata, presso il gruppo comunale di protezione civile da cui si può attingere per fornire le famiglie sottoposte a quarantena di alimenti di prima necessita per tutto il periodo di osservazione”.

 

Il Comune ha individuato 4 supermercati che incasseranno poco più di 500 euro (528,50 euro per la precisione) e consegneranno alimenti di prima necessità. Quindi con un investimento minimo di 2114 euro si cercherà di aiutare tutte quelle famiglie che si trovano in un momento di profonda necessità