GIUSEPPE OLIVIERO NON SI ARRENDE: VUOLE FAR VINCERE CARLO PICCIRILLO. PERCHE’ NON SOSTENERE GERARDO MASSARO ?

di TACCO di GHINO
Portico di Caserta- Come fa il Partito democratico di questa cittadina a subire le velleità di questo ex socialista che, sollecitato dal fratello continua a creare problemi al PD di Renzi e De Luca? Ma non ci sta nessuno che lo frena? Per anni ha fatto da spalla a Carlo Piccirillo  onnipotente Sindaco di Musicile.   Ed oggi, invece di fare squadra per sconfiggere  Carlo Piccirillo , personaggio politico non sempre amato e spesso ingombrante, Oliviero si diletta a fare battaglie contro i mulini a vento ed alla fine andrà a fare il consigliere di minoranza.

Contento lui contenti tutti, ma il problema è del PD che a Portico di Caserta è ormai in via di estinzione. La soluzione , per sopravvivere, sarebbe stata quella di sostenere l’iscritto Gerardo Massaro e mettere alla porta l’ex socialista.

Ma i conti nel PD, si fanno prima o dopo? A Marcianise i conti li ha regolati  Velardi che ha sconfitto un ex PD , mentre a Portico di Caserta si attende la manna dal cielo e, intanto, si lascia credere che  il consigliere regionale, ex socialista, è ancora influente nel suo nuovo partito, scelto per opportunismo.

Ma Piscitelli di Santa Maria a Vico sta già tracciando le linee programmatiche ed organizzative del PD di Renzi che dovrebbero portare Gennaro Oliviero  in  caduta libera, dopo le amministrative di Portico di Caserta ed il probabile commissariamento a Sessa Aurunca.

Gerardo Massaro continua per la sua strada cercando di inserire in lista le donne che sicuramente faranno la differenza in questa campagna elettorale e saranno loro che lo porteranno a divenire di nuovo sindaco, dopo il tradimento   ricevuto da chi, invece, avrebbe dovuto sostenerlo.

Gennaro Oliviero  è ancora in tempo per fermare il fratello.