Antonio Iuliano, maestro pizzaiolo per i detenuti di Arienzo

il titolare della celebre catena "Donna Sophia" docente per i giovani ospiti del carcere di Arienzo

La pizza non è un primo, non è un secondo, non è un alimento. La pizza è l’essenza della felicità

Adriana 640×300

Antonio Iuliano, noto pizzaiolo Casertano, proprietario della celebre “Pizzeria Donna Sophia”, con sede a Caserta, Casagiove e Maddaloni, diventa maestro pizzaiolo per i detenuti della Casa Circondariale di Arienzo, nella splendida iniziativa realizzata dall’ente formativo CIDIA Onlus e dalla Cooperativa Sociale CSC Credito senza Confini, nell’ambito del “Catalogo dei percorsi formativi per l’inclusione socio-lavorativa dei detenuti”.

Il Corso di Formazione di Pizzaiolo, coordinato da Sara Cotugno, e capitanato da Antonio Iuliano, con la realizzazione di 240 ore di tutoraggio, durante l’attività di laboratorio di stage, ha raggiunto l’obiettivo prefissato, con grande soddisfazione: rendere i partecipanti autonomi nella preparazione della pizza, dalla fase iniziale di preparazione dell’impasto e formazione dei panetti, al confezionamento del disco di pasta lievitata e alla sua farcitura, fino alla cottura, mantenendo negli ambienti di lavoro le condizioni di igiene e sicurezza, previste dalla normativa, al fine di aumentare la loro eventuale occupabilità futura.

Le attività sono state realizzate all’interno della cucina dell’istituto penitenziario, in cui erano già presenti attrezzature e utensili necessari alla figura professionale, ma ulteriormente arricchita dal tutor Iuliano, che ha provveduto a fornire un’impastatrice professionale, termometro e phmetro.

Un’entusiasmante esperienza per gli ospiti della Casa Circondariale che, attraverso lo stage, hanno potuto acquisire competenze teorico pratiche, utili in futuro, sia come eventuale esperienza lavorativa che come soddisfazione personale e che, durante il percorso formativo, hanno potuto dimostrare le competenze acquisite.

Per creare simulazioni di lavoro in pizzeria, gli allievi, hanno, infatti, con l’autorizzazione della Direzione, preparato pizze in teglia e/o napoletane, distribuite ai detenuti dell’istituto penitenziario e offerte al personale penitenziario.

Si ritiene soddisfatto il Maestro Antonio Iuliano, che ha aiutato i partecipanti a raggiungere un ottimo livello delle competenze tecno professionali, caratterizzanti la figura del Pizzaiolo, per questo emozionante percorso formativo, in cui l’arte di un professionista è divenuta fonte di ispirazione per chi desidera fare di una vera passione un lavoro, nel futuro.