Attività operativa del comando provinciale di Avellino

Numerose le attività svolte sabato 21 settembre 2019

LAURO (AV) – MINACCE E BOTTE A GENITORI PER ESTORCERE DENARO: I CARABINIERI ARRESTANO UN VENTENNE CON IL “CODICE ROSSO”.
I Carabinieri della Stazione di Lauro hanno tratto in arresto un 20enne del luogo, resosi responsabile di maltrattamenti in famiglia ed estorsione. La cattura è scattata in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Avellino su richiesta della Procura della Repubblica, che ha coordinato le indagini condotte dai militari dell’Arma i quali hanno messo la parola fine ad un triste episodio di violenza consumatasi tra le mura domestiche. I Carabinieri, attraverso uno scrupoloso lavoro di indagine portata avanti con doverosa sensibilità, hanno accertato che il soggetto, già noto alle Forze dell’Ordine, aveva posto in essere plurime condotte estorsive in danno dei genitori: minacciandoli ed aggredendoli fisicamente, a volte anche distruggendo le suppellettili dell’abitazione, li costringeva a corrispondergli somme di denaro per soddisfare la sua esigenza di dipendente da sostanza stupefacente. Le evidenze raccolte tracciavano a carico dell’indagato un quadro gravemente indiziario che, riferito senza ritardo all’Autorità Giudiziaria, ha consentito l’emissione della misura cautelare, in esecuzione della quale il ventenne è stato tratto in arresto ed associato alla Casa Circondariale di Bellizzi Irpino. Il provvedimento si inquadra nell’ampia e delicata cornice repressiva delimitata dal cosiddetto “Codice Rosso”, recentemente approvato dal Parlamento: ogni episodio di maltrattamento in famiglia viene curato sin nei minimi particolari e approfondito in maniera rapidissima, così da tutelare l’incolumità di quelle persone rientranti nelle cosiddette “fasce deboli”.

LESIONI PERSONALI GRAVI: I CARABINIERI DI SOLOFRA ARRESTANO UN VENTENNE SU PROVVEDIMENTO DELL’A.G
I Carabinieri della Stazione di Solofra hanno dato esecuzione all’ordinanza applicativa della custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Avellino nei confronti di un ventenne dell’agro nolano, per il reato di lesioni personali gravi. All’esito del quadro investigativo sviluppato dai militari operanti, sono emersi indizi di colpevolezza nei confronti del giovane ritenuto responsabile di aver aggredito e colpito con violenti pugni e senza motivo un uomo di Avellino, provocandogli fratture giudicate con 40 giorni di prognosi. Rintracciato e condotto in Caserma, dopo le formalità di rito il ventenne è stato associato alla Casa Circondariale di Bellizzi Irpino. Il risultato operativo è strettamente collegato alla capillare attività di controllo del territorio quotidianamente svolta, tesa a garantire sicurezza e rispetto della legalità.

SERINO (AV) – SPACCIO DI STUPEFACENTI: I CARABINIERI DENUNCIANO UN 35ENNE.
Detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente: è l’accusa di cui dovrà rispondere un 35enne di origini salernitane. La pattuglia della Stazione di Serino, impegnata nell’ambito di un quotidiano servizio di controllo del territorio disposto dal Comando Provinciale di Avellino e finalizzato a garantire sicurezza e rispetto della legalità, ferma un’autovettura con dei giovani a bordo. Ai militari non passa inosservato l’atteggiamento sospetto assunto da alcuni di loro; pertanto ritengono opportuno approfondire l’accertamento. Nel corso dell’immediata perquisizione i Carabinieri notano che uno dei fermati cerca di disfarsi di qualcosa che aveva nel proprio borsello. L’azione è stata immediatamente bloccata dagli operanti che hanno recuperato e sottoposto a sequestro 20 grammi di sostanza stupefacente del tipo hashish. Alla luce delle evidenze emerse, per il 35enne è dunque scattato il deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino in quanto ritenuto responsabile del reato di cui all’articolo 73 del D.P.R. 309/90.