Aversa: crolla stabile in piazza Marconi. Il parere di un architetto e il commento del consigliere Oliva

L’edificio è stato sede di una scuola. Il parere di un architetto e il commento del consigliere Alfonso Oliva

Aversa- In piazza Marconi è crollato un edificio sede, anni or sono, di una scuola

Lo stabile era stato da tempo  abbandonato e lasciato all’ incuria. La causa prossima del crollo è attribuibile al maltempo degli ultimi giorni ,che ha inferto il colpo di grazia ad uno stabile che presentava già diversi problemi strutturali.

La piazza è stata chiusa al traffico per permettere la messa in sicurezza da parte dei vigili del fuoco. Sul luogo del crollo presente anche una volante del commissariato di Aversa. Nella stessa area, in occasione delle festività, si tiene un mercatino natalizio, che di certo non trarrà nessun vantaggio dallo spiacevole evento, che ha destato, ovviamente, paura tra i residenti.

Intervistati, alcuni passanti hanno dichiarato che da circa 15 anni la struttura versa in condizioni fatiscenti e che negli ultimi giorni le mura crollate risultavano quasi in “putrefazione”

Il consigliere Alfonso Oliva ha così commentato l’accaduto

Ho visto tante volte avvoltoi palazzinari volteggiare su questo Immobile.
Da questo momento in poi la mia attenzione sarà massima. Chiederò copia della perizia dei V.V.F.F. e vigilerò all’ufficio urbanistico per scongiurare aumenti di volumetria o cambi di destinazione

Per comprendere meglio la dinamica del crollo, abbiamo chiesto un parere all’architetto Giovanni Manzi, docente di progettazione architettonica presso il liceo artistico di Aversa e membro della commissione antisismica del comune di Casaluce.

L’edificio in muratura portante di tufo giallo napoletano, presenta evidenti segni di infiltrazione ai livelli dei vari impalcati, tale infiltrazione è giunta probabilmente fino alle fondazioni della parete tangente alla piazza. L’incuria protattasi negli anni ha poi portato quasi sicuramente al crollo di parte dello stesso. Questa è una primissima impressione, ma sarebbe necessario constatare da vicino