Bambino perde le dita per raccogliere botto inesploso, trovati anche bossoli. Borrelli e Simioli: “L’inciviltà può rovinare la vita di un minore. Presentato dossier alla polizia postale sui video con le pistole sui social”

“L’inciviltà di chi acquista e usa i botti a capodanno ha provocato un grave incidente ad un bambino di soli undici anni che ha perso le cinque dita della mano”. La denuncia arriva dal consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e dal conduttore de “La Radiazza” su Radio Marte, Gianni Simioli. “Il nuovo anno è iniziato nel peggiore dei modi per una famiglia di Villaricca. Mentre si trovava in via Marconi il minore ha raccolto un petardo, di quelli illegali, da terra. Il botto gli è esploso tra le mani, causandogli la perdita di tutte le dita della mano. I carabinieri intervenuti sul posto hanno trovato anche dei bossoli di pistola oltre ad altro materiale pirico. L’incidente si è verificato il primo gennaio, intorno alle 16,45, un orario in cui la pulizia delle strade doveva già essere avvenuta. Per la famiglia è iniziato uno calvario con il piccolo che è già stato sottoposto a tre interventi chirurgici”.

“Ma la barbarie non è circoscritta a questo caso. Abbiamo ricevuto tante segnalazioni relative a video postati su Instagram in cui appaiono persone intente ad usare armi da fuoco durante la notte di Capodanno.  Abbiamo già provveduto a segnalare i video alla polizia postale. Siamo di fronte ad un fenomeno ingiustificabile, sintomatico di un’inciviltà diffusa, che crea danni anche a chi lavora onestamente. E’ il caso di un commerciante di via Forcella che, il 1 gennaio, ha ritrovato le vetrine del suo negozio infrante da almeno 10 colpi, sparati con pistole e fucili”.

Share Button
Pubblicità