BLOCCATA TAV A MADDALONI. Trovati reperti d’epoca romana

Chiusa Appia in direzione Benevento-Caserta per cantiere TAV

È partito il cantiere TAV che collegherà il tratto Bari-Napoli, ma al contempo è stata chiuso un tratto della strada statale Appia. Il traffico sarà così deviato sul tratto statale che collega Maddaloni e Santa Maria a Vico.

Il cantiere, che potrebbe protrarsi anche oltre il 2019, permetterà la realizzazione di una linea ad alta velocità per i treni che viaggiano a oltre 180 Km/h. Le strade per la circolazione dei veicoli a quattro e due ruote, perciò, percorreranno un tratto di strada laterale a questa linea.

Arrivati allo svincolo in direzione Caserta, quando il cantiere sarà terminato, le automobili dovranno percorrere, ambo i sensi, una strada larga 15 metri che permetterà di uscire dall’Appia senza imbattersi in strade urbane.

Nel periodo estivo che già corre, saranno abbattute con regolare esproprio due case, che consentiranno la realizzazione del lungo tratto stradale. Dunque, al per alcuni mesi ancora la momentanea deviazione sarà un grande rallentamento. Rimane solo il dubbio di dover bloccare definitivamente il traffico e deviarlo su più diramazioni per evitare le lunghe code.

RITROVATO IL TRATTO “GALLIA-BRINDISI” DI GIULIO CESARE

Durante gli scavi per la Tav, però, sono venuti alla luce numerosi reperti dell’Appia romana, nel tratto che collegava la Gallia con Brindisi e che passava per Roma.

Si tratta di reperti archeologici di grande valore secondo gli archeologi. Le mura in opus reticolatum, le numerose vestigia, le necropoli e forse qualche abitazione anche preromanica potrebbero rallentare i cantieri.

Per saperne ancora di più su questi reperti bisognerà aspettare il parere degli studiosi. I corredi funerari e tombe varie permetteranno di datare con maggior precisione il sito rinvenuto a Maddaloni. Con l’inizio dei saggi esplorativi, Terra di Lavoro è difronte ad una irripetibile occasione di ricrescita.