Calcio estivo, amichevole di lusso in USA, il Barca batte il Napoli, 2-1

Amichevole di lusso parecchi big assenti, tanti giovani in campo vincono i catalani

USA Sun life di Miami. Amichevole di lusso potremo definirla, tra Napoli e Barcellona, vincono i catalani 2-1. Qualche anno fa il neo Napoli di De Laurentiis con i vari Grava, Lavezzi Dzemaili, un giovanissimo Hamsik e compagnia perdeva 5-0, nel trofeo Gamper nel lontano 2011 al Nou Camp di Barcelona, oggi è  un altro Napoli, maturo battagliero che ha tenuto testa alla quotata squadra blaugrana.

Veniamo al racconto del match: formazioni, assenti alcuni big tra cui Messi, Koulibaly, parecchi giovani in campo nelle due compagini. Il Napoli schiera, il 4-4-2 con Meret, Manolas ( neo acquisto dalla Roma), Maksimov, Di Lorenzo, M. Rui, a centrocampo Elmas, Zielinski, Insigne, Callejon, attacco con Mertens e Ruiz. Il Barcellona schiera, il solito offensivo 4-3-3, Neto tra i pali, Firpo, Umtiti, Todibo, Wague’, Puig, Busquets, Rakitic, tridente con Suarez, Griezmann (nuovo acquisto le petit diable diretamente dall’Atletico Madrid) e Perez.

Si parte, minuto 11 le petit diable (il piccolo diavolo) Griezmann con un nuovo look, con capello lungo mosso scaglia un missile da fuori area, Meret respinge a fatica. Ancora Griezmann su lancio lungo di mancino il suo piede naturale tocca al volo per Puig destro fuori bersaglio di molto. Ancelotti in tuta alla Sarri da qualche indicazione ai suoi uomini. Occasionissima per Insigne minuto 12′, triangolo imbucata dentro solo davanti a Neto si fa repsingere il tiro rasoterra a giro bravissimo il portiere blaugrana ma era più facile segnare che sbagliare, si prosegue. Verso il 30′ di testa in area Rakitic mette fuori ma non è pericoloso.

Minuto 31′ occasionissima azzurra ancora una volta le punte non sono ciniche perfetto rasotoerra dalla destra di Callejon, Mertens, in spaccata da 2/3 metri mette out di poco, sembrava fatta ma è ancora 0-0. Gol mangiato gol subito, la legge del calcio si abbatte inesorabile, contro squadre forti come il Barca appunto non si può sbagliare, imbeccato nella lunetta Busquets con un rasoterra a giro infila Meret per il vantaggio catalano al minuto 38′.

Il Napoli è vivo un minuto dopo il gol, Lorenzo Insigne, imbeccato solo davanti al portiere da pochi metri si fa ribattere la conclusione.

Minuto 42′ circa, in area Callejon con il nuovo look biondo/brizzolato salta un difensore con uno stop volante di pregevole fattura tiro raosterra che Umtiti mette toccando in scivolata disperata nella propria porta. Il tiro era ben indirizzato verso la porta non sapremo mai se sarebbe entrata mancando la controprova, ma siamo di nuovo pari 1-1 l’ ex esterno del R. Madrid pareggia il conto dei goal.

Ultima chance Suarez prova ad incunearsi in area ma perde palla Meret blocca in uscita in anticipo a terra.

Secondo tempo.

Per gli azzurri entra l’ariete Milik, minuto 49′ uscita a kamikaze di Neto (ottima partita per lui) che anticipa al limite ed oltre l’area due giocatori nel Napoli pronti a fiondarsi sul solito pallone radente al centro messo da Callejon.

Al minuto 50′ Insigne tenta il lob morbido in area Neto guarda la palla sfiorare la traversa (portiere alto, difficile beffarlo così, ma è anche giusto provare giocate ardue, in amichevoli estive che servono per il rodaggio perchè no).

Minuto 53′ Rafinha in area tiro deviato in corner. Al 58′ Arcadius Milik imbeccato da Insigne di sinistro tenta il diagonale fuori di poco in area.

Ci prova Rakitic, su punzione dal limite per i catalani mira altissima. Dembele primo pallone toccato appena entrato, tiro a giro dalla zolla di Insigne, leggermente spostato sulla sinistra dalla lunetta,  palo che ribatte la sfera. Risponde Milik, il polacco, incursione caparbia in area si porta la palla sul sinistro, rasoterra che Neto devia a fatica in corner. Occasione ancor più grande per Milik, su cross di Ghoulam perfetto anzichè andare di testa da pochi passi dalla linea di porta, sceglie di colpire di petto palla alta sul montante altra occasionissima cestinata. Ancora una volta gol mangiato, gol subito…..tiro rimpallato, Rakitic da centro area appena dentro il rettangolo dalla linea centrale, con un diagonale secco e preciso nell’angolo basso uccella Meret rimasto di sale, sarà il goal decisivo.

Il Napoli non ci sta altra reazione di rabbia ed orgoglio Milik si incunea in area, diagonale di sinistro, Neto respinge in area nessun partenopeo pronto alla ribattuta o tap in in rete.

Minuto 85′ contropiede Barca Dembele velocissimo in corsa salta due difensori del Napoli ma calcia troppo d’esterno palla in curva. Risponde subito Insigne dopo un minuto dalla lunetta tiro rasoterra da buona posizione impreciso. 89′ Dembele tiro a giro dalla sinistra palla out di un soffio che fa la barba al palo. Ultimo sussulto Verdi da fuori area tiro rasoterra blocca a terra Neto. Finisce così 2-1 per il Barcellona ma i partenopei non sfigurano anzi avrebbero potuto vincere tranquillamente avendo avuto le occasioni migliori.

Il calcio d’agosto è bugiardo si sa molti giovani in campo, out Messi, assenza pesante certo, una breve analisi la facciamo, partita equilibrata e ben giocata da entrambe. Il pareggio non sarebbe stato uno scandalo diciamo così, finisce ad ogni modo con la vittoria dei catalani per 2-1.

Sotto gli highlights del match

 

Shoot salienti della partita

Callejon con nuovo look biondo/brizzolato, salta il difensore blaugrana provocando col suo tiro l’autogol di Umtiti per il momentaneo 1-1