Campania, a scuola il 24 settembre. L’assessore Fortini: “Impossibile aprire prima”

"Aprire il 14, come ha suggerito la Ministra, e poi chiudere per la preparazione dei seggi elettorali in vista del voto del 20 e 21 settembre 2020, avrebbe significato mandare i ragazzi a scuola per non più di tre giorni"

NAPOLI – In Campania si andrà a scuola il 24 settembre. Una scelta anticipata da tempo dall’Assessore regionale all’Istruzione, Politiche Sociali e Giovanili Lucia FORTINI, ma fatta ieri dopo il tavolo con i sindacati e le associazioni di genitori. “Una decisione” – ha dichiarato l’assessore – “presa con rabbia e amarezza ma non c’era altra possibilità.

Aprire il 14, come ha suggerito la Ministra, e poi chiudere per la preparazione dei seggi elettorali in vista del voto del 20 e 21 settembre 2020, avrebbe significato mandare i ragazzi a scuola per non più di tre giorni, considerato che in tutti gli istituti l’inizio delle lezioni è sempre scaglionato tra le diverse classi”.

“E questo” – ha proseguito – “non è serio, per i docenti, per gli studenti, per le famiglie. Mai come quest’anno, che ha così profondamente ferito il mondo della scuola, il ritorno tra i banchi deve essere un momento solenne. L’istruzione è un diritto e dunque lo Stato ha il dovere di tutelarlo e di garantirne sempre l’esercizio. Anche prima delle elezioni”.