CAMPANIA, ZINZI: “MAGGIORANZA FUORI DALLA REALTÀ, SU FONDO PER LE SCUOLE OCCASIONE PERSA”.

“L’approvazione del bilancio – ha dichiarato il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca – è un passaggio di valore storico. In un clima di serenità e per la prima volta in una sola giornata, già prima di Natale, sono stati approvati il Defr, la legge di bilancio 2016-2018 e la Legge di stabilità.

Si tratta di documenti di programmazione finanziaria decisivi per il rilancio della Regione e introducono anche interventi di grande valore sociale come il trasporto gratuito per gli studenti, lo sblocco delle borse di studio. A tutto questo vanno aggiunte le risorse della programmazione europea e quelli del Patto per il Sud che sarà approvato dal governo a inizio 2016. Grazie a quanti hanno lavorato e contribuito all’approvazione della legge di bilancio della Regione Campania.”

Sostegno al diritto allo studio:

Stanziamento di 15,6 mln di euro annui da parte della regione per il prossimo triennio, per il trasporto scolastico gratuito degli studenti. Gli abbonamenti saranno disponibili a partire dal prossimo anno scolastico e ne beneficeranno con abbonamenti tutti gli studenti il cui reddito familiare sia inferiore ad € 100.000 per coprire il tragitto che separa la casa di residenza alla scuola o università dei ragazzi. Coprirà, la misura, il 95% degli studenti campani.
Le Borse di Studio saranno erogate saranno erogate a tutti gli aventi diritto secondo i criteri previsti dalla normativa nazionale.

“La previsione di un fondo regionale per garantire il diritto allo studio dei giovani campani è certamente un segnale apprezzabile nell’intento, ma non nella sostanza. Se da un lato tiene conto del nostro impegno profuso in questa direzione, dall’altro non posso che esprimere insoddisfazione per l’irrisorietà dell’importo”.

Così il consigliere regionale Gianpiero Zinzi intervenendo in Aula durante la discussione sulla Legge di Stabilità regionale 2017.

“Stanziare un milione di euro per la manutenzione ordinaria e straordinaria delle scuole di tutta la Regione è un affronto agli studenti ed alla classe docente. In particolare, gli istituti scolastici della provincia di Caserta soffrono di emergenze strutturali che non possono essere risolte con una manciata di ‘bruscolini’. Si tratta di una misura offensiva e irrispettosa nei confronti degli studenti che stanno manifestando per tutelare il proprio diritto allo studio messo in discussione da una legge, quale la Del Rio, che ha portato più danni che benefici. La Regione avrebbe potuto, con una scelta politica forte, invertire la tendenza. La stessa chiusura questa maggioranza l’ha poi riservata a un altro tema importante come il Lavoro. La battaglia in difesa dei lavoratori del Consorzio Aurunco di Bonifica è stata dichiarata inammissibile, come l’emendamento che ho presentato sia nei giorni scorsi in Commissione Bilancio che oggi in Aula”.