Carenza di sangue, l’AVIS organizza raccolta di sangue alla Rotonda di San Nicola la Strada. Accorrete numerosi

L’autoemoteca dell’AVIS di Caserta sarà presente al Largo Rotonda dalle ore 8:00 alle ore 13:00. Dopo la donazione di sangue sarà consegnato il tesserino di donatore con il gruppo sanguigno e una serie di analisi GRATUITE, comprese quelle sull’Epatite “B”, Epatite “C”, AIDS, Sifilide

SAN NICOLA LA STRADA – In questo grave momento che da molti mesi sta attraversando il Mondo intero a causa della pandemia da COVID-19, ed in particolare l’Italia, tutte le nostre regioni stanno segnalando una riduzione nella raccolta di sangue, che, nella prima fase della pandemia, è stata compensata soprattutto dalla decisione di rinviare gli interventi chirurgici non urgenti e in elezione.

Con la 3 fase, quella del rilancio del Paese, si cominciano a sentire gli effetti del COVID-19 anche sulla raccolta di sangue all’interno della rete trasfusionale nazionale. L’equilibrio è sempre più precario, anche perché gli interventi chirurgici sono ripresi. Le trasfusioni sono un Livello Essenziale di Assistenza (LEA), che deve essere garantito, quindi non si possono fermare le donazioni.

L’AVIS Comunale di Caserta ha istituito il Centro raccolta fisso di Caserta, in Via S. Josemaria Escrivà, 16/36. Il Centro è funzionante nei giorni di lunedì e venerdì mattina dalle ore 8:00 alle ore 12:00. Sabato 13 giugno 2020, nel Largo Rotonda di San Nicola la Strada, l’AVIS di Caserta ha organizzato una raccolta di sangue. Le operazioni, attraverso l’autoemoteca, inizieranno alle ore 8:00 e termineranno alle ore 13:00, sempre in completa sicurezza sia per il donatore/ce che per gli stessi operatori sanitari dell’AVIS. Dopo la donazione di sangue sarà consegnato il tesserino di donatore con il gruppo sanguigno e una serie di analisi GRATUITE, comprese quelle sull’Epatite “B”, Epatite “C”, AIDS, Sifilide

Le donazioni sono fatte in totale sicurezza, e le associazioni sono impegnate anche a garantire, a tutto il personale operante presso le Unità di raccolta, la diffusione capillare e costante delle informazioni inerenti all’applicazione delle indicazioni fornite dal Ministero della salute per la sanificazione e la disinfezione degli ambienti. Mi piace sottolineare come donare il sangue é un “gesto di amore, di senso civico e di attenzione verso la propria salute e verso quella degli altri che può rappresentare il primo gesto consapevole dell’età adulta e inaugurare una sana abitudine per il resto della vita”.

Se le donazioni di sangue sono necessarie per le strutture sanitarie e ospedaliere lungo tutto il corso dell’anno, nella stagione estiva l’esigenza diventa ancora maggiore specie per una realtà come gli ospedali, in cui l’attività salvavita e di chirurgia di eccellenza non conosce soste.