Carinaro: il sindaco Affinito tranquillizza i cittadini sul caso di un uomo tornato dal focolaio del nord

In basso il comunicato del sindaco

Carinaro – A Carinaro si sarebbe sparsa la voce, non fondata su fonti certe, che un vigile del fuoco, ritornato da Crema a Carinaro, avesse giocato una partita nel medesimo campo in cui era presente anche il 38enne della provincia di Lodi (primo infetto in Lombardia)

Per tale ragione è stato contattato  il servizio di prevenzione dell’Asl e nello specifico il dirigente medico Giovanni Tirozzi ,che si è messo in comunicazione con il vigile per comprendere i risvolti della situazione. L’uomo ha però categoricamente smentito tutte le voci che stanno circolando definendole infondate, in quanto non ha mai giocato con il 38 enne di Lodi, sottolineando anche che nella zona dove è stato non ci sono stati casi di coronavirus e che il caso di cui si parla è stato registrato a Lodi che è a 20 km di distanza.

Nella vicenda è stato coinvolto anche il sindaco di Carinaro Nicola Affinito che,in costante contatto con il prefetto di Caserta, Raffaele Ruberto, ha diramato il seguente comunicato

 

“In merito alle notizie fatte veicolare su alcuni social network da alcuni cittadini e riguardanti un possibile contatto casuale di un cittadino originario del nostro paese con un soggetto del nord Italia contagiato dal coronavirus, mi preme tranquillizzare la cittadinanza intera rimarcando che il sottoscritto è in continuo contatto con gli uffici sanitari territorialmente competenti e con la Prefettura di Caserta (CE).
Al momento non vi sono evidenze che la persona abbia contratto il Coronavirus o che manifesti i sintomi della comune influenza e pertanto al fine di non creare allarmismi ingiustificati si suggerisce di attenersi esclusivamente a eventuali comunicazioni che dovessero promanare dall’Ente Comunale.
Al contempo si ribadisce che il Sindaco segue costantemente l’evoluzione della vicenda e raccomanda i cittadini di non creare inutili allarmismi in quanto, pur in assenza di chiari evidenze, sono in corso tutti gli accertamenti del caso