CARINARO:PICCOLA SVIZZERA,UN SOGNO GIÀ INFRANTO!

La Dichiarazione di “Carinaro nel cuore”

CARINARO-In seguito all’articolo relativo allo sversamento abusivo di rifiuti in centro storico, i membri di “Carinaro nel cuore” fanno sapere che

L’assesore al ramo,con un delirante post sui social ha tentato goffamente di giustificare il fatto,asserendo di esserne a conoscenza ,ma ci tocca aspettare fino a Giovedì prossimo per la rimozione.
Troviamo questa affermazione veramente esilarante,ancorché grave,considerato che l’assessora viene pagata per risolvere i problemi dei cittadini.Che lei fosse una meteora catapultata ad occuparsi del delicato e complesso problema dell’ambiente è chiaro a tutti, ma il buon senso avrebbe dovuto suggerire a lei e ai suoi compagni di viaggio di prenderne in spalla uno ciascuno, di quei rifiuti, pur di togliergli dalla strada,certi che in Svizzera (dato lo spiccato senso di civiltà) avrebbero fatto così. 

E se proprio non pervasi dalla giovane forza di farlo, l’indennità di carica percepita sarebbe stata più che sufficiente a provvedere personalmente con parte della stessa ad una rimozione autorizzata ed immediata di questo pattume.
Anziché sbeffeggiare i giornalisti che fanno il loro mestiere, le consigliamo di imparare a fare meglio il suo. D’altro canto,procrastinando la rimozione a
giovedì prossimo lei non ha certo lavorato bene, perché il servizio raccolta rifiuti è tra quelli ordinari e indispensabili a garanzia dei cittadini.
E lei, cara assessora non ha inventato nulla.Esisteva già tutto prima del suo avvento!!
Ps: per quanto concerne, invece, qualche lusinghiero commento a tergo del suo post, non stia assolutamente “serena “perché il falso buonismo è il lato più viscido della cattiveria
!”

L’assessore di maggioranza Marino aveva,infatti, dichiarato:

Eravamo e siamo pienamente consapevoli della presenza dei tre televisori, per utilizzare il termine tecnico RAEE ( Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) in zona via 24 maggio, in prossimità del palazzo De Angelis.

Indipendentemente dai presunti “scoop” di un sedicente giornalismo d’ inchiesta, la raccolta dei RAEE si effettua su chiamata e nei giorni previsti (1° e 3° giovedì del mese) ma nel caso specifico non vi è stata alcuna chiamata.

Trattandosi, quindi, di uno sversamento illecito, abbiamo deciso di agire d’ufficio e giovedì della prossima settimana, come previsto dal calendario per la raccolta dei RAEE, verrà effettuato l’ intervento di rimozione, verrà rimosso e correttamente smaltito anche lo pneumatico, con buona pace di alcuni “scopritori di acque calde“.