Caserta, Comunalia 2018. Nel sito Unesco di San Leucio tutto pronto per i “Tableaux Vivants di Caravaggio”

di Francesca Cicala

Caserta. Fervente attesa in citta’ per l’evento ”  Tableaux  Vivant di Caravaggio”   

inserito nella rassegna artistico- culturale ” Comunalia 2018 ”

programmata dall ‘amministrazione comunale guidata dal Sindaco Carlo Marino 

e fortemente voluta dall’Assessore agli Eventi Emiliano Casale 

per la realizzazione degli eventi natalizi del Comune di Caserta.

L’ evento ” Tableaux Vivant di Caravaggio ”  e’ stato organizzato dalla societa’ “ Genovese Management ” ,

che ha come motore  creativo e promozionale  il manager casertano Gianni Genovese, 

e si svolgera’ domani 3 gennaio 2019 a partire dalle ore 19.00 presso la Chiesa di San Ferdinando Re in San Leucio.

Secondo gli organizzatori  e secondo gli addetti ai lavori , si tratta di uno , o forse,  del piu’ importante evento culturale dei Comunalia Caserta 2018.

L’ingresso  e’ gratuito fino ad esaurimento posti.

” Abbiamo allestito – dichiara Gianni Genovese- 20 quadri viventi delle opere del Caravaggio, in collaborazione con il Museo Diocesano di Napoli. Gli spettacoli dei Tableaux Vivants si basano sulla tecnica dei quadri viventi, nata nel settecento, che prevede di comporre un quadro con attori veri davanti agli occhi dei visitatori”.

Gli attori, dunque,  proporranno opere di Michelangelo Merisi detto il Caravaggio, veri tableaux vivants che faranno “vivere” davanti ai visitatori le splendide opere del Merisi sulle note delle musiche di Mozart, Vivaldi, Bach e Sibelius nel suggestivo scenario della chiesa di San Ferdinando Re”.

” Si tratta  di uno   spettacolo eccezionale – continua l’Assessore Emiliano Casale –  che abbiamo deciso di realizzare nello scenario incantevole del Belvedere di San Leucio, sito Unesco, un posto unico  che gia’  da solo  merita una visita per l’eleganza  architettonica  degli edifici e  che funge da cornice ideale in grado di veicolare le intense suggestioni dei Tabelaux Vivants”.

Le opere verranno composte sul palco davanti agli spettatori senza interruzione da circa 8 attori che comporranno ben 23 opere di Caravaggio senza interruzioni con l’ausilio di oggetti di uso comune e stoffe drappeggiate mente un solo taglio di luce illumina la scena come riquadrata in una immaginaria cornice.