CASERTA. DIRITTI UMANI : PARLANO I RAGAZZI DELL’ ISITTUTO A. DIAZ

DI ANTONIO DE FALCO
CASERTA Ieri 10 Dicembre è stata la giornata dei DIRITTI UMANI .Attraverso i social e i mass media si è parlato dei DIRITTI negati ai più.

La SCUOLA attraverso i contenuti di tutte le discipline ragiona coi ragazzi su questi temi per cambiare errati stili di vita.Abbiamo ascoltato alcuni studenti del Diaz per conoscere il loro pensiero a riguardo.

Noi ,al Liceo Diaz di Caserta ,lo facciamo di mattina nelle classi di una città considerata ultima nella graduatoria stilata da GRANDI…., tutti i giorni facciamo lezione attraverso l’analisi dei testi e documenti scientifici come quelli filosofici piuttosto che biologici o fisici.

Attraverso le pagine della letteratura italiana e quella inglese, sulle sudate pagine della storia e della nostra Costituzione Italiana,dove viene sottolineata l’importanza dei diritti umani, dei diritti dichiarati dall’ONU nel 1948 come inviolabili per l’uomo, :il diritto alla vita, alla libertà, al lavoro, alla salute, alla politica e all’uguaglianza.Diritti negati in molte zone del mondo a causa di conflitti o dittature.

Attraverso un approccio agli studi e linguaggi digitali nelle lezioni laboratoriali lavoriamo e costruiamo il nostro senso critico, di mattina a scuola e , a volte, in percorsi sistematici, continuiamo anche di pomeriggio per ragionare sui DIRITTI UMANI e cercare di cambiare il senso della nostra storia diventando cittadini attivi..

I ragazzi del DIAZ insieme ai Professori, maestri del pensiero e dell’ azione critica, insieme ad esperti, affrontando argomenti che migliorano il nostro buon senso e il nostro comportamento nel rispetto di noi e dell’ altro.

Questo è il nostro vivere ogni giorno al Liceo Diai , veniteci ad ascoltare di mattina durante le lezioni che sembrano normali…e di pomeriggio quando lavoriamo per costruire la nostra CITTADINANZA attiva….domani 12 dicembre alle 17 siamo ancora a scuola.

Non sono di certo mancati da parte di alcuni ragazzi i commpliimenti al Preside dell’ istituto,ing.Suppa al quale viene riconosciuto un forte senso di responsabilità e la voglia di spronare i giovani a percorrere la strada della disponibilità’ oltre che della legalita’