CASERTA. Il Consiglio comunale nomina i nuovi Revisori dei Conti

All'attenzione dell'assise anche la questione riguardante l'atto vandalico ai danni della fontana storica di San Leucio. Il capogruppo del Pd Andrea Boccagna presenta un documento

CASERTA – Si è tenuta questa mattina, in quel di Palazzo Castropignano, la seduta consiliare convocata dal presidente Michele De Florio con carattere d’urgenza. All’ordine del giorno la nomina del Collegio dei Revisori dei Conti per il triennio 2019-2022.

Il Consiglio comunale è tuttavia iniziato con un intervento encomiabile del capogruppo Pd Andrea Boccagna, il quale ha sottoposto all’attenzione dell’aula un documento inerente l’atto vandalico perpetrato ieri sera nella frazione di San Leucio da un gruppo di ragazzi che ha letteralmente danneggiato la fontana di Angelo Solari posta all’angolo di Via Planelli nel quartiere San Ferdinando (clicca qui per leggere l’articolo).

“Noi non possiamo sottacere rispetto a questo ennesimo atto vandalico che viene perpetrato su un bene comune della città e soprattutto su un bene di interesse storico-culturale che caratterizza il borgo di San Leucio – ha dichiarato Andrea Boccagna Il sindaco dovrebbe farsi carico, attraverso questo documento, di portare una richiesta alle autorità competenti per far sì che la sanzione sia esemplare”.

Un documento dal valore politico-amministrativo, quello del consigliere Boccagna, che ha suscitato non poche polemiche da parte dell’opposizione. Su tutti il capogruppo di ‘Caserta nel Cuore’, Nicola Garofalo, che lo ha ritenuto un atto di mera propaganda politica e il consigliere Riccardo Ventre, il quale ha sottolineato l’incapacità amministrativa degli uomini di Carlo Marino, che ha portato la città di Caserta ad una stasi totale e ad un degrado incontrastato.

Ad intervenire sulla questione anche il consigliere Antonio Ciontoli che ha dichiarato: “Il documento presentato da Boccagna rappresenta l’atto di indignazione nei confronti di chi si permette di offendere ed oltraggiare la città di Caserta”. Al termine di una discussione, che ci permettiamo di ritenere incomprensibilmente animata dato il valore nobile dell’intervento di Boccagna, il documento è stato acquisito agli atti del Consiglio comunale.

La seduta consiliare è poi proceduta con la discussione della proposta di nomina dei Revisori dei Conti fatta dall’Assessore alle Finanze Federico Pica. Un adempimento da ottemperare urgentemente per chiudere la tortuosa vicenda del bilancio stabilmente riequilibrato.

Da sottolineare il fatto che si tratta di una proposta che prevede altresì il massimo compenso in termini economici per i nuovi Revisori dei Conti (come consentito dalla legge), in quanto il lavoro che questi ultimi dovranno svolgere sarà piuttosto complicato viste le condizioni economico-finanziarie in cui versa l’Ente.

Ad intervenire a gamba tesa sulla proposta sono stati principalmente i consiglieri comunali Francesco Apperti e Norma Naim, i quali hanno dichiarato la loro contrarietà nei confronti della proposta dell’Assessore Pica e al contempo hanno ancora una volta portato all’attenzione dell’aula la questione riguardante i gettoni di presenza di tutta l’assise su cui ancora oggi non hanno avuto risposta (ricordiamo che Speranza per Caserta ne aveva chiesto tempo fa la decurtazione del 50%).

Al momento della votazione l’opposizione ha abbandonato l’aula, ma nonostante ciò la proposta è stata approvata con ben 17 voti favorevoli. Ad essere nominati nuovi Revisori dei Conti per il triennio 2019-2022 sono stati il dott. Giuseppe Fattopace, il dott. Donato Toriello e il dott. Antonio Tardio.