CASERTA. IL SINDACO CARLO MARINO IN VISITA ALL’ASSOCIAIZONE ARMA AERONAUTICA CITTADINA.

di Domenico PETRILLO
Il Sindaco Carlo Marino, in visita all’Associazione Arma Aeronautica cittadina.
Martedì 12 giugno, in un contesto di grande cortesia e familiarità, il neo eletto Sindaco di Caserta ha incontrato, presso la sede dell’Associazione Aeronautica sita nel” Real Palazzo “, il Direttivo al completo effettuando poi una visita agli storici cimeli aeronautici presenti e alle sofisticate apparecchiature a carattere scientifico tra le prime in Italia. Accolto dal Presidente Gen. Elia Rubino, si è tenuta una tavola rotonda sulle attività della Sezione alla quale hanno partecipato i due Vice Presidenti Col. D. Petrillo e G. Casapulla, i Soci e consulenti Giuridici Avv.ti Alberto Zaza D’ausilio e Franca di Rienzo unitamente al Col. Pasquariello, alla Segretaria A. Cesarini e ai LGT. D. Natale e B. Concimino.

Il primo cittadino, molto vicino alla “Grande Famiglia Aeronautica” poiché anch’Egli figlio d’arte, ha voluto conoscere dal vivo le molteplici attività svolte dal decennale sodalizio restando fortemente impressionato per il massiccio impegno svolto nel campo culturale a 360°. Non a caso, il motto dell’Associazione,” Provido non invidio”, ovvero “non per orgoglio di primeggiare, ma per amore di provvedere” è racchiuso nella famosa frase di Sant’Agostino. Ed è proprio in quest’ottica che l’Associazione Aeronautica provvede a porre in essere tutte quelle iniziative e strategie per l’elevazione spirituale, culturale e filantropica non solo dei Soci, ma soprattutto delle giovani generazioni mediante conferenze, convegni, manifestazioni di vario genere, studi, ricerche, e quant’altro possa contribuire allo sviluppo intellettivo di quella cittadinanza umanitaria di cui tanto si parla e poco ci si prodiga.

Da un veloce sguardo al recente archivio storico della Sezione, il Sindaco Marino ha potuto toccare con mano quanto poc’anzi accennato, venendo a conoscenza dei molteplici e proficui accordi di collaborazione con Autorità, Enti locali, Associazioni come la Società di Storia Patria, Club di Service quali Rotary e Lions, CONI e altro ancora sempre per perseguire l’interesse e il bene della collettività, esaltandone le positività. Non sono mancate parole di apprezzamento ed elogio per gli innumerevoli eventi di attrazione e scientifici organizzati nei giardini reali per un rilancio dell’asset turistico del compendio vanvitelliano sempre con il benestare del Direttore della Reggia di Caserta dott. Mauro Felicori.

Interessanti anche i rapporti intrecciati con lo Storico Osservatorio Meteorologico dell’Università degli Studi Federico II di Napoli, l’Osservatorio Astronomico di Capodimonte, la Seconda Università di Napoli, il Villaggio dei Ragazzi di Maddaloni e il prestigiosi Licei casertani Diaz e Manzoni. Si è passati poi alle vere chicche di cui è dotata l’Associazione, consistenti in tre tipologie di apparecchiature scientifiche di elevata fattura e tecnologia operativa. A cura del giovane e promettente socio Antonio Ciaramella, studente del Liceo Scientifico Diaz, al primo cittadino, è stata presentata per prima la particolare e completa stazione meteo automatica che fornisce, giornalmente, ogni tipo di dati che vengono poi archiviati per essere messi a disposizione anche delle istituzioni. Ad essa è associata una magnifica WEBCAM che riprende l’ineguagliabile parco reale visibile da ogni parte del mondo. Successivamente è stata illustrata una significativa stazione optoelettronica dedicata che, grazie a particolari e sensibilissime telecamere installate sui tetti della Reggia, consente di rilevare tutti i fenomeni luminosi in atmosfera (elettro meteore, Sprite, bolidi, comete ed altro) che transitano nell’universo sia verso nord fino alla Slovenia che verso sud/sud-Est fino alle coste della Tunisia. Tali fenomeni, per l’importanza che rivestono nel campo scientifico, sono stati presentati in un congresso internazionale di meteorologia ad altissimo livello. Per finire è stato illustrato il funzionamento di una innovativa apparecchiatura che consente di rilevare, nel campo delle astro particelle, i raggi cosmici come i muoni che in questi momenti rivestono molta importanza sia per la ricerca in geologia applicata, come sta appunto avvenendo per il controllo del nostro Vesuvio, che nello studio della meteorologia spaziale. Emozionante è stato poi il momento in cui l’ospite d’eccezione, ha consegnato la tessera di socio all’ultima iscritta, studentessa del Villaggio dei Ragazzi che attualmente sta effettuando uno stage sugli strumenti meteorologici proprio nell’Associazione in titolo. La graditissima visita, si è conclusa con un sobrio brindisi augurale unitamente alla consegna al Sindaco Marino, da parte del Presidente Rubino, di un piccolo cadeau rappresentato da un quadretto in cui è incastonata una piccola parte della meteorite di 15 mt. di diametro, frantumatasi sopra la città russa di Celjabinsk negli Urali, nella mattinata del 15 febbraio 2013.