CASERTA. L’ ASSESSORA DORA ESPOSITO:L’ EX CASERMA SACCHI DEVE RITORNARE AD ESSERE ” PALAZZO VESCOVILE”

DI ANTONIO DE FALCO

CASERTA.L’ ex caserma Sacchi nel giro di poco tempo cambiera’ faccia e nome.
Tutto e’nato da una proposta presentata nei mesi scorsi da Dora Esposito e subito approvata dal consiglio comunale. L’ Assessora ,candidata alla Camera dei Deputati alle prossime elezioni politiche con il gruppo ” Insieme” , chiese e ottenne l’ approvazione dei consiglieri comunali affinché’ la Caserma Sacchi, struttura collocata in via San Gennaro, adiacente gli uffici comunali di Falciano, ritornasse ad essere denominata “Palazzo Vescovile”.

” Un edificio, cosi’ antico e importante , deve essere rivalutato, e soprattutto riportato a quelli che erano i suoi antichi splendori- queste le parole di Dora Esposito che poi continua- un atto fondamentale e dovuto , dobbiamo restituire alla citta’ quello che fu il ” Palazzo dei Vescovi “con tutte le sue bellezze storiche – culturali. Ritengo ,personalmente, i locali del “Palazzo Vescovile” una risorsa per la nostra citta’ , che come amministratori abbiamo il dovere di rivalutare.

A tal proposito abbiamo dei progetti seri di restaurazione – conclude Dora Esposito, sono convinta e mi impegnero’ in questa direzione, affinche’ il Palazzo dei Vescovi ,divenga presto un sito oltre che dall’altissimo valore storico-culturale anche funzionale per l’ intera cittadinanza.”

Per onore di cronaca e’ giusto ricordare che nei giorni scorsi la Giunta Comunale ha approvato il progetto definitivo relativo al completamento dei lavori della ex caserma Sacchi , che oltre al cambio della nominativo prevede lavori di riqualificazione per una spesa complessiva di 6 milioni e 500 mila euro.