CASERTA – L’ITI “F. Giordani” e il prof. Antonio Di Giacomo aprono nuovi orizzonti ai giovani

di Alessandro Fedele

CASERTA – La tecnologia arriva a Caserta. Recentemente, infatti, l’ITI “F. Giordani” ha organizzato, per conto del MIUR, il maxi evento “Futura Caserta“. L’evento, durato tre giorni, dal 25 al 27 ottobre scorso, era incentrato sulla scuola digitale e sulle tecnologie ICT (Information Comunication Tecnology).

Nell’ambito degli eventi, per la Scuola è stato indetto dal MIUR il premio “Scuola Digitale” al quale hanno partecipato gli studenti di tutta la Campania in due fasi. La prima fase provinciale ha selezionato le scuole e gli studenti per la fase regionale, ed ha visto il Giordani classificarsi al primo posto.

Quella di Futura Caserta è una delle tante iniziative promosse e organizzate dall’ITI-CS “F. Giordani” di Caserta, che ha coinvolto studenti e docenti tutti, ma tra queste ricordiamo anche il progetto “EcoMachine“, realizzato dagli studenti durante l’Anno Scolastico 2017/2018.
Il progetto Ecomachine, dunque, abbraccia diversi settori automotive come quello di smart energy e smart city, con l’obiettivo di creare un’automobile autonoma, a basso impatto ambientale ed energetico.

Per tanto la Scuola “Giordani” di Caserta si propone come Ente di studio e sviluppo di applicazioni di sistemi intelligenti per la mobilità sostenibile e così, grazie alla sponsorizzazione della Micron Tecnology INC, da anni azienda partner della Scuola casertana, le attività dei discenti sono sempre più creative, soprattutto nell’ambito dell’automotive-infotainment, preparando alla vita lavorativa i futuri tecnici, dirigenti e progettisti dei settori standard autosar, standard di architettura aperta e dei sistemi elettronici intelligenti per l’IOT.

La Micron Tecnology ha stipulato una convenzione che consente alla Scuola di sviluppare in maniera autonoma e indipendente alcuni progetti per i sistemi Embedded (vuoto, leggero – senza sistema operativo) per l’IOT. Grazie alla Micron, che incentiva gli studenti e li lancia nel mondo del lavoro, e al prezioso contributo della Scuola, ex alunni come Domenico Ferraro, appena diplomati, hanno avuto opportunità di lavoro nello stesso indotto Micron.

Per tanto la Scuola “Giordani” di Caserta si propone come Ente di studio e sviluppo di applicazioni di sistemi intelligenti per la mobilità sostenibile. Ma è molto importante ricordare che l’ITI Giordani dispone anche di uno staff docenti estremamente  qualificato. Menti come quelle del Prof. Ing. Antonio Di Giacomo valorizzano e fanno emergere i talenti nascosti negli alunni di questa nuova generazione “incompresa”, ragazzi che sono fiori all’occhiello di questo nostro territorio di Terra di Lavoro.

In più di un’occasione la Dirigente Scolastico dott.ssa Antonella Serpico ha evidenziato quale indispensabile collaboratore sia il prof. Di Giacomo, anche organizzatore, con il collega ing. Elia Calabrò, esperto di Innovazione-industria 4.0, di un’area Co-Working nella quale gli alunni diplomati e diplomandi si incontrano per pensare a progetti d’innovazione tecnologica e, insieme con le aziende, portano avanti iniziative oltre che progettuali anche e principalmente di preselezione lavorativa.

Oltre all’Azienda Micron, che come già detto collabora da diverso tempo con gli allievi e i docenti, anche altre aziende e società collaborano con il Giordani sempre grazie a convenzioni progettuali e infatti è importante sottolineare che con l’Istituto collabora, altresì, l’Agenzia Ampal (Agenzia del Ministero del Lavoro) nella persona del dott. Giovanni Viggiano. Insomma, l’ITIS-CS “F. Giordani” di via Laviano è un trampolino di lancio per i giovani professionisti del futuro. Sicuramente, grazie al valido impegno organizzativo che esiste tra aziende e docenti, la Scuola si propone come un motore innovativo per le nuove realtà professionali.