Pubblicità elettorale

Pubblicità elettorale

Caserta, RIMPASTO DI GIUNTA. Michele MICCOLO (Speranza per Caserta): “Assessorato all’anagrafe tragicomico. I consiglieri pensino al ricorso contro la proroga di De Luca ai cavaioli”

CASERTA – Così Michele Miccolo (Speranza per Caserta) sul rimpasto di Giunta:

“Perfino l’ultima delle matricole della Facoltà di Scienze Politiche dell’Università della Campania potrebbe rapidamente accorgersi che, di tutto quello che avviene al comune di Caserta, poco, o meglio ancora nulla, ha a che fare con la politica. Definire rimpasto la nascita, caso unico in Italia, di un assessorato all’Anagrafe sarebbe comico se, come al solito, a rimetterci non fossero i casertani che dovranno pagare un altro lauto stipendio (2800 euro mensili) senza ricevere alcun beneficio concreto. Le promozioni immotivate e inspiegabili coprono il solito mercato delle vacche: l’ingresso in giunta serve a liberare un posto in consiglio per acquisire un nuovo voto (utile al solo sindaco Marino) in vista delle provinciali. E così arriviamo al consiglio comunale convocato dal presidente De Florio per procedere, prima delle provinciali, alla surroga: mai si era visto un consiglio comunale appositamente convocato per una surroga, si spendono soldi (i gettoni di presenza) per garantire un voto in più al sindaco/candidato presidente. Una vergogna senza fine per realizzare il grande disegno politico del Pd casertano, nato per pacificare le due aree di un partito presentatosi diviso dalle primarie: il sindaco eletto trasformato in parlamentare e il vicesindaco (neanche candidato) a governare. I consiglieri comunali di Speranza per Caserta non si presteranno a questo gioco dello spreco e annunciano la propria assenza dalla prossima seduta dell’Aula continuando a denunciare apertamente quanto, i giochi di potere del partito democratico casertano, costano agli abitanti del capoluogo. Profittando dell’occasione ricordo alla stampa e a tutti i consiglieri, di maggioranza e di opposizione, che il gruppo consiliare di Speranza per Caserta ha presentato una mozione per favorire un ricorso contro la scriteriata proroga alle cave firmata De Luca. Tutti gli amministratori di questa città, dal sindaco all’ultimo dei consiglieri, si sono dichiarati contrari in diversi consigli comunali. La cittadinanza si aspetta celerità ed efficienza su questioni importanti, non sulle surroghe a beneficio delle carriere politiche di qualcuno.”

 

Pubblicità elettorale

Pubblicità elettorale