Conferma del presidente al consorzio di bufala,

Il Consorzio di Tutela della Ricotta di Bufala Campana Dop sceglie la continuità: Benito La Vecchia è stato rieletto presidente e inizia così il suo terzo mandato al vertice. Originario di Alvignano, in provincia di Caserta, 37 anni, laureato in Economia, è alla guida dell’azienda di famiglia ed è anche componente del CdA del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop.

Adriana 640×300

La proclamazione è avvenuta all’unanimità da parte del nuovo Consiglio di Amministrazione, eletto nelle scorse settimane, di cui fanno parte, oltre a La Vecchia: Sara ConsalvoAlessandro CossiaGiuseppe Cutillo, Giuseppe Della Valle, Marco Nobis, Gaetano Sorrentino. Nominati anche i due vicepresidenti: Sara Consalvo e Marco Nobis. Un CdA caratterizzato dalla presenza di tanti giovani, pronti a rilanciare le sfide del Consorzio, portando competenza e innovazione, frutto del loro percorso formativo.

 

In questo scenario, il presidente La Vecchia indica la direzione da seguire  rilasciando qualche dichiarazione che si va a riportare: “Ringrazio innanzitutto i miei colleghi per la fiducia che mi hanno rinnovato. Il mio nuovo mandato sarà ancora all’insegna del gioco di squadra che tanti risultati sta portando al nostro Consorzio, nato solo nel 2016. Abbiamo affrontato e superato insieme la prova durissima del Covid, grazie alla forza di un prodotto di eccellenza, ora guardiamo al futuro con un lavoro di programmazione e consolidamento sui mercati e in particolare sul canale horeca”, dichiara La Vecchia, che ha chiari gli obiettivi da raggiungere: “Puntiamo su precisi elementi distintivi – spiega – La Ricotta di Bufala Campana Dop è un alleato della salute e dello sport, ma è anche un prodotto versatile in cucina sia per le ricette dei grandi chef sia per il consumo a casa. Da qui si svilupperanno le nostre attività di promozione sia in Italia che all’estero, in collaborazione soprattutto con i colleghi del Consorzio di Tutela Mozzarella di Bufala Campana Dop ma anche con le altre realtà di eccellenza italiane”.