Crisi di Governo.Zingaretti apre alla trattativa con M5S, Meloni possibile alleanza con Lega e FI

Mattarella incontra le delegazioni dei maggiori partiti: Fratelli d’Italia, Partito Democratico, Forza Italia, Lega e Movimento 5 stelle.

Oggi è la giornata cruciale delle consultazioni al Quirinale per la risoluzione della crisi di governo, dopo il primo turno di ieri. Mattarella incontra le delegazioni dei maggiori partiti: Fratelli d’Italia, Partito Democratico, Forza Italia, Lega e Movimento 5 stelle.

Live
11.23 – “Abbiamo indicato al Mattarella i primi principi non negoziabili”, ha detto Zingaretti: centralità del Parlamento, economie di sviluppo, centralità delle politiche redistributive, stop a inasprimenti fiscali e svolta con l’Europa nella gestione dei flussi migratori”.

11.20 – Terminato l’incontro con il presidente della Repubblica, Nicola Zingaretti ha rilasciato alcune dichiarazioni alla stampa. Il leader del PD ha chiesto discontinuità con il governo Conte e si è detto disponibile a una nuova maggioranza.

10.40 – Nicola Zingaretti è arrivato al Quirinale con la delegazione del Partito Democratico formata dalla vice presidente Paola De Micheli e dai due capogruppo Graziano Delrio e Andrea Marcucci.

10.32 – La posizione di Fratelli d’Italia, al termine delle consultazioni, è chiara: elezioni subito per un governo stabile. Possibile un’alleanza con Lega e Forza Italia. Nessun dialogo con PD e M5S.

10.30 – Rispondendo a una domanda, Giorgia Meloni ha dichiarato su Salvini: “Se si andasse al voto, ci sarebbe una compagine formata da Fratelli d’Italia e la Lega, anche Forza Italia”.

10.29 – Il duro attacco di Meloni: “Renzi e Di Maio hanno entrambi grandi responsabilità sui problemi aperti come l’aumento dell’Iva, quindi non possiamo risolvere un problema con quelli che l’hanno creato”.

10.27 – “Gli italiani chiedono un governo stabile“, ha dichiarato Giorgia Meloni. “L’unico modo è andare a votare, per avere un governo coeso, con numeri importanti, che durerebbe 5 anni e che si assuma le sue responsabilità”.

10.25 – “Non è inevitabile un governo con la maggioranza in Parlamento, ma senza consenso dei cittadini“, ha aggiunto Giorgia Meloni. “In una democrazia parlamentare decide il Parlamento, ma i nostri padri costituenti non intendevano far governare a chi non è scelto dal popolo”.

10.24 – “Il governo gialloverde non poteva durare”, ha detto Giorgia Meloni. “Le elezioni sono l’unico esito possibile e rispettoso dell’Italia, dei suoi interessi, del suo popolo e soprattutto della Costituzione”.

10.22 – Terminato l’incontro di Giorgia Meloni, la leader di Fratelli d’Italia ha rilasciato alcune dichiarazioni alla stampa. Fratelli d’Italia ha ribadito la sua posizione: “Tra tutti i partiti abbiamo la posizione più chiara e schietta”.

10.00 – Giorgia Meloni con la delegazione di Fratelli d’Italia è arrivata in Quirinale per il primo incontro della giornata di oggi.

Il calendario delle consultazioni di oggi, giovedì 22 agosto
Alle ore 10, le consultazioni con il gruppo Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, che si è schierata più volte a favore del voto anticipato.

Alle 11 è la volta del Partito Democratico di Nicola Zingaretti, dopo l’inizio della trattativa con il Movimento 5 stelle e il no a un Conte bis.

Alle 12 ci sono le consultazioni di Forza Italia con Silvio Berlusconi, che potrebbe tendere la mano al Pd dopo l’apertura di Matteo Renzi.

Alle 16 della giornata di oggi, fitta di appuntamenti, si tengono le consultazioni della Lega di Matteo Salvini che spinge per le elezioni.

Alle ore 17 l’ultima consultazione della giornata, quella del Movimento 5 stelle di Beppe Grillo e Luigi Di Maio, che dopo l’apertura della trattativa con il Pd pensano a un terzo nome da proporre come premier.