Di Maio: “Quelli sono finti amici di Greta Thunberg”

I 5Stelle hanno sempre a cuore l'ambiente e attaccano Quelli

Per Luigi Di Maioquelli a favore delle trivelle avevano nascosto nello Sblocca Italia norme che le avrebbero favorite e rese strategiche“.
Noi – attacca Di Maio – abbiamo bloccato quelli delle inutili grandi opere, che hanno reso l’Italia fragile. Sono sempre loro – incalza ancora Di Maio – quelli che trattavano il Ministero dell’Ambiente come la poltrona da dare all’alleato politico, un contentino da dare al partitino in appoggio per tenerlo buono. Siamo la prima forza politica dopo decenni ad avergli dato nuovamente dignità, facendo ministro Sergio Costa, il comandante dei Carabinieri che combatteva la camorra nella Terra dei Fuochi”.

Quando si tratta di temi cruciali come la salute del nostro pianeta – continua il vicepremier – limitarli ad un evento di 24 ore di finto interesse significa spesso sminuirli. Oggi che è la giornata mondiale dell’ambiente, però, tutti hanno fatto a gara a chi è più amico di Greta Thunberg. A dare smodate prove d’amore per l’ambiente, oggi, sono in particolare quelli che avrebbero dovuto tutelarlo negli anni passati”.

Il Perbenismo ambientale secondo Di Maio

Mi spiace – prosegue Luigi Di Maio – rompere questo alone di perbenismo che anche oggi si è creato intorno a un tema troppo importante, ma la realtà è questa, è diversa dai tweet colorati che hanno infestato questa giornata.

Noi – insiste – abbiamo elaborato il Piano Marshall da 6,5 miliardi per la tutela del territorio e il contrasto al dissesto idrogeologico. Quelli a favore dell’acqua privata hanno anche devastato una proposta di legge popolare, nata da un referendum. Ci stiamo battendo, da soli, per approvare la nostra legge che faccia tornare veramente le nostre acque nelle mani dei cittadini.” 
Per il MoVimento 5 Stelle – conclude – la giornata dell’ambiente era anche ieri e lo sarà pure domani, dopodomani e tutti i giorni a seguire. È nel nostro Dna, è una delle nostre stelle. E per questo continueremo a difenderlo e a rispettarlo”.