Dopo aver creato caos al pronto soccorso arrivano le scuse di Paolo Sforza

Paolo Sforza, il giovane casertano che nella notte scorsa si è reso protagonista di un brutto episodio al pronto soccorso dell’ospedale S. Anna e S. Sebastiano di Caserta torna a parlare con la nostra redazione per spiegare la sua verità sui fatti.

Sono assolutamente pentito – ha dichiarato – ero nervoso perchè il 118 tardava ad arrivare nonostante la mia telefonata di sollecito. Sfido a chiunque a vedere la propria mamma a terra svenuta e i soccorsi che non arrivavano. Sicuramente non giustifica il mio atteggiamento, anche se sono state raccontate delle inesattezze. In tutti i casi sono disposto a risarcire i danni. Forse non tutti sanno che l’ambulanza è arrivata tardi perchè non hanno capito bene l’ indirizzo. Non è mia intenzione fare polemica ma al consigliere regionale Francesco Borrelli vorrei dire che oltre a preoccuparsi di trovare qualcuno disposto a denunciarmi, di preoccuparsi anche del problema malasanità in Campania.”