È guerra legale per difendere il cimitero di Piedimonte Matese

Iniziano le procedure per risolvere il contratto di PF per la Gestione Cimiteriale

Considerato che il contratto di PF per la Gestione Cimiteriale è scaduto nel mese di Febbraio 2018 e che nonostante decine di convocazioni riunioni e non ultima una convocazione per il 9.7 us a cui la Ditta Malinconico si dichiara impossibilitata a partecipare per “ impegni precedenti”, considerato che è ampiamente disatteso l’accordo di cui all’allegato 1 firmato nel Luglio 2018, considerato che tutte le riunioni tese ad esplorare soluzioni ed ipotesi transattive inerenti la concessione delle attività di esecuzione di opere e gestione delle opere di ampliamento del Cimitero Comunale ivi compreso la gestione dei relativi servizi non sono andate a buon fine.

Considerato, per giunta, che giungono da più cittadini segnalazione circa criticità legate alla Gestione dei Servizi Cimiteriali e risultano vendite di loculi non ancora collaudati nonché criticità legate alla vendita di aree destinate a fabbricazione di Cappelle all’interno del Cimitero e che da mesi la Azienda non relaziona circa incassi legati alla Gestione Cimiteriale e che risultano criticità anche relativamente alla mancata effettuazione di riesumazioni.

 

Il Comune ha dato incarico all’Avv. Renato Labriola affinché fornisca all’Amministrazione: un “parere pro-veritate” ed un parere relativo alle conseguenze dei cambiamenti contrattuali adottatti a seguito della Delibera 156 del 17/06/2010 anche e soprattutto per la eventuale necessità di valutazione di danno erariale;

agisca per conto dell’ente affinchè ottenga la risoluzione unilaterale del Contratto rep 150/10 successivo alla Delibera 156/2010 e ponga fine al PF;

agisca per conto dell’ente per il recupero di eventuali somme relative alla Gestione Cimiteriale;

agisca di concerto con l’Ufficio Urbanistica per la determinazione della Gestione dei Servizi Cimiteriali affinché venga garantito decoro e funzionalità;

agisca con l’Ufficio Tecnico & Ambiente alla consegna all’Ente dei Loculi agibili;

agisca Recuperando per l’Ente tutto quanto di diritto.