Enrico Letta ‘Caserta è importante’

Si è tenuto il convegno del partito democratico , il PD, con la presenza, tra gli altri, del segretario nazionale Enrico Letta, assieme a Carlo Marino ed Enrico Tresca .

Carlo Marino ,  sindaco di Caserta , ha aperto l’incontro con queste dichiarazioni “Abbiamo costruito anche una programmazione per i Fondi 2021-2027, stiamo costruendo un’alternativa alla Lega con un percorso per i disagiati. Io personalmente presiedo l’ANCI Campania, costruendo modelli amministrativi virtuosi siamo verso la fine, vogliamo costruire un sistema antifascista con la costruzione di un modello di importazione, aiutiamo il PD, quello che vogliamo fare è puntare sui giovani, cerchiamo di aiutare il paese”.

Successivamente ha preso la parola il segretario del PD Enrico Letta che rilasciato alla platea queste dichiarazioni “Sono felice di esser qui, è stata una campagna elettorale che dato grandi risultati, quando ci è stato chiesto di ritornare al Pd la gran parte dei media ci ha attaccato. Meloni e Salvini dovevano prendere la maggioranza, non possono guidare il paese Salvini e la Meloni, anche  a Napoli, abbiamo raggiunto un bel risultato,  noi siamo alla fine l’ultimo miglio prima delle votazion. Per Caserta bisogna fare il massimo, bisogna comunque ripartire ,non lasciamo la città alla Lega, domani saremo   a Roma  a p.zza San Giovanni, se qualcuno non si sfila, noi difendiamo l’antifascismo e i  principi della par condicio ,noi voteremo le nostre mozioni, dobbiamo ripudiare le violenze.
E’ una settimana difficile con Draghi che sta facendo scelte giuste, stiamo sostenendo il PD, ognuno fa la sua parte. Ci siamo anche vaccinati e invito tutti coloro che non lo hanno fatto a farlo, cechiamo di seguire le regole, bisogna prendere le giuste decisioni, abbiamo avuto un aumento del 6% ,abbiamo parlato di PNNR. I soldi dell’Europa devono essere usati, i fondi per fare le infrastrutture devono essere utilizzati, è importante anche la digitalizzazione. I  giovani non devono andarsene, molti mi chiedevano una ragione per restare in Italia quando erano all’ Università  di Siena,  non bisogna confondere lo stage con l’apprendistato, con i giovani democratici stiamo cambiando la legge, lo stage deve essere una porta di ingresso, combattiamo la precarietà, bisogna inserire e reinserire nel mondo del lavoro anche i 30enni ed i 40enni, oggi abbiamo una società basata sui 70enni. Dopo i risultati elettorali di Roma e Torino ci sarà anche Caserta che sarà attenzionata, il PD ha fatto scelte contro il proprio interesse, è cambiato il quadro politico del paese, è cambiata la politica italiana di centro destra che non  è più quella di prima, ora sono molto più estremisti, dobbiamo battere le destre anche per il futuro dell’Italia. Tra le altre cose il PD festeggia  i 14 anni della propria coalizione”.

Presenti tra gli altri Luigi Bosco consigliere regionale,  il figlio del presidente Vincenzo de luca, Piero de Luca, e Pina Picierno.