ENTE IDRICO. Il patto per De Michele regge, ma Sasso e Oliviero dimostrano forza. Centrosinistra in crisi.

CASERTA – Pienamente confermate le previsioni della vigilia riguardo alle votazioni per la presidenza dell’Ente Idrico casertano. Il patto suggellato dai Consiglieri Regionali Giovanni Zannini, Luigi Bosco e Stefano Graziano è riuscito a dare la presidenza al Vice-Sindaco di Caserta Franco De Michele. La scalata verso la più alta carica non è dunque riuscita al Sindaco di Sessa Aurunca Silvio Sasso, appoggiato da Gennaro Oliviero. Di certo non è risultato un abisso tra i voti di De Michele (15) e quelli di Sasso (6), il quale è comunque riuscito a dare un forte segnale all’asse politico vicino al Presidente De Luca. E’ presumibile che tale assetto dei fronti politici sarà protagonista delle prossime tornate elettorali, in primis le regionali del 2020. Grande confusione nel centro-sinistra casertano: ad appena un giorno dalle primarie che hanno segnato la coesione delle varie anime del PD di Terra di Lavoro, i democratici si colpiscono a vicenda con fuoco amico.