Covid 19. Esame di Maturitá 2020, autocertificazione in seduta d’esame

L'esame di stato ai tempi del Coronavirus

Quest’anno la Maturità liceale verrà svolta in modalità esclusive e differenti dal solito a causa dell’emergenza Coronavirus. Negli ultimi confronti ministeriali, riguardo all’argomento in questione, si é parlato di autocertificazione per insegnanti e studenti da portare in seduta d’esame.

Nella giornata di ieri è stato ufficializzato il protocollo di sicurezza che il Comitato tecnico-scientifico ha stilato in accordo con il ministero. Nei giorni scorsi, il Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione aveva consigliato un esame orale online qualora non fossero state disposte misure di sicurezza forti e concrete per insegnanti e alunni.

Per questo motivo è stata disposta l’autocertificazione obbligatoria che indichi:

assenza di sintomatologia respiratoria o di febbre superiore a 37.5°C nel giorno di avvio delle procedure d’esame e nei tre giorni precedenti;

di non essere stato in quarantena o isolamento domiciliare negli ultimi 14 giorni;

di non essere stato a contatto con persone positive, per quanto di loro conoscenza, negli ultimi 14 giorni.

Nel caso sussista una di queste condizioni, lo studente non dovrá presentarsi all’esame di maturità 2020, in compenso dovrà avvertire il medico e la commissione che programmerà una sessione di recupero.

I maturandi dovranno presentarsi in aula a partire dalle 8:30 del 17 giugno secondo un calendario ben preciso: il candidato dovrà presentarsi a scuola 15 minuti prima dell’orario di convocazione previsto e dovrà lasciare l’edificio scolastico subito dopo l’espletamento della prova; il candidato potrà essere accompagnato da una persona.

All’ingresso della scuola non è necessaria la rilevazione della temperatura corporea.

Centro Acustico 640×300