AGM Servizi Sanitari 582×215

Esclusiva. Ospedale covid pieno e drive-in per i tamponi

I contagi da covid crescono ormai di giorno in giorno. Le peggiori previsioni si sono avverate. E non siamo ancora nel pieno dell’autunno e delle classiche influenze stagionali che potrebbero solo gettare benzina sul fuoco.

L’ospedale covid è cresciuto anche lui rispetto a marzo. I tre piani più la terapia intensiva per un totale di 85 posti letto circa, mentre scriviamo, sono tutti occupati. Si lavora a ritmi serrati, con la dedizione di sempre e un’esperienza nella cura del virus acquisita ed approfondita in questi ultimi 6 mesi. La paura resta, è umana, ma una volta indossate tute e mascherine, gli infermieri, la prima linea di questo esercito, entrano nei reparti e si dedicano ai pazienti. Spetta a loro, insieme agli OSS, il contatto diretto e continuo. Insieme ai medici la squadra ormai è ampiamente collaudata, così come alcune terapie.

Se ne sperimentano anche di nuove per velocizzare sempre più le cure e, favorire, quando é possibile e le condizioni del paziente lo consentono, quarantenne e convalescenze domiciliari.

La lotta al virus procede senza sosta e, oltre le chiacchiere, le prove sono le percentuali di guariti.

Si è intensificato anche il servizio di prevenzione per sveltire i tempi di attesa per persone segnalate dalle ASL, per il tampone rinofaringeo.

Da qualche settimana infatti, sempre al covid hospital di Maddaloni, le persone chiamate a seguito della segnalazione del medico di base dall’ASL di competenza per sottoporsi al tampone, che hanno la possibilità di uscire, si recano all’ospedale e, tramite un servizio di drive-in, effettuano il tampone in sicurezza.

Sottolienamo che questo servizio vale solo per le persone segnalate dall’ASL. Non é assolutamente possibile recarvisi di propria iniziativa. 

Maddaloni continua, oggi più di ieri, ad essere in prima linea per la guerra al covid, dal tampone alla guarigione.