FOTO. Vigili del fuoco ed ASL stipulano una convenzione per la lotta agli insetti aculeati.

Caserta – Si è tenuta questa mattina  presso il Comando Vigili del Fuoco di Caserta, la cerimonia di stipula della convenzione tra i Vigili del Fuoco e l’ ASL di Caserta  per la lotta contro gli imenotteri aculeati ed interventi a tutela della salute pubblica.

Questa convenzione è una novità assoluta per il centro e il sud Italia, se si considera che la città più vicina geograficamente a noi in cui esiste già questo protocollo è la città di Ancona.
La convenzione è stata stipulata tra i Vigili del Fuoco, rappresentati dal Comandante Dirigente Superiore Ing. Paolo Massimi e l’ ASL di Caserta rappresentata dal Direttore Generale Dott. Amedeo Blasotti alla presenza di S.E. il Prefetto di Caserta Dott. Giuseppe Castaldo.Grazie ad essa  cittadini, enti e scuole hanno da oggi  un valido strumento di cui poter usufruire. Attraverso un numero dedicato si potranno richiedere gli interventi per il soccorso, che avverranno con un mezzo destinato proprio alla lotta agli imenottori, garantendo anche la tutela di specie protette, come le api, fondamentali per la vita del Pianeta.
Qualora dovessero esserci, invece, presenza di altri insetti aculeati, dannosi per la salute umana e che purtroppo sono in costante aumento, saranno attuati gli interventi di soccorso.
L’aumento degli insetti aculeati è da attribuire non solo alla comparsa delle cosiddette “specie aliene” (soprattutto Vespa Orientalis e Vespa Velutina) ma anche allo sviluppo crescente di una edilizia di tipo orizzontale ed al cambiamento climatico che consente lo sviluppo di colonie di grandi dimensioni e che permette la presenza degli imenotteri in periodi dell’anno nettamente dilatati rispetto al passato.
Nel periodo da luglio a novembre nel corso degli ultimi anni c’è stato un incremento degli interventi che si è attestato anche su un numero di 10 al giorno.Purtroppo le sole risorse ordinarie dei vigili del fuoco non permettono di offrire alla popolazione un intervento risolutivo e sempre tempestivo ed il più delle volte esso è limitato ai soli casi urgenti e di impatto diretto con le abitazioni.


La convenzione tra VVF e ASL permette di impiegare risorse aggiuntive sia umane e sia di mezzi per il contrasto del fenomeno, con l’impegno economico da parte della ASL di Caserta. La convenzione è da ritenersi assolutamente innovativa e vantaggiosa sia sotto il profilo dei costi/benefici, sia sotto il profilo etico e del rispetto della mission di tutela della salute del cittadino.
Sara’ impiegata ogni giorno una squadra composta da 3 unità, con attrezzature e sostanze adeguate atte a intervenire sugli insetti, nel rispetto dell’ambiente e della salute umana, per 153 giorni nel periodo Giugno – Ottobre e con orario dalle ore 16 alle 22 circa. Tale orario è stato individuato su base statistica e per l’efficacia massima per l’intervento, atteso che gli insetti sciamano nelle ore calde e rientrando nelle ore serali/notturne. Le squadre dei Vigili del fuoco saranno adeguatamente formate dal Servizio Veterinario dell’ASL Caserta per fronteggiare le situazioni inerenti le problematiche in oggetto, e saranno dotate degli automezzi e delle attrezzature di base e specialistiche necessarie per lo svolgimento della specifica attività con efficacia e sicurezza, soprattutto per il riconoscimento delle specie di imenotteri. Il Servizio Veterinario sarà contattato nei casi in cui si tratti di specie appartenente al Genere Apis, per la salvaguardia di queste Specie.
La convenzione ASL-VVF è possibile grazie ai disposti normativi dei DL 139-2006 ed a norma dell’articolo 11 della legge 29 luglio 2003, n. 229 nel quale vengono evidenziati i compiti del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.
La convenzione ha durata annuale e potrà essere rinnovata. L’onere per l’ASL, che è calcolato in maniera forfettaria per l’impiego di uomini e mezzi, determinato sulla base del D.M. 02/03/2012, sarà corrisposto in favore del Ministero dell’Interno per le attività svolte dal Comando VVF di Caserta e sarà pari all’importo massimo di € 74.358,00.