I Genieri di Caserta al lavoro per disinnescare e far esplodere bomba d’aereo a Battipaglia

Dalle ore 05:00 di oggi, domenica 8 settembre 2019, è iniziata l’evacuazione di 36.000 persone, il 72% del residenti di Battipaglia. I genieri del 21° Reggimento Guastatori della Brigata Bersaglieri “Garibaldi” di Caserta sono all’opera per il disinnesco dell’ordigno.

CASERTA – È una bomba di aereo inglese della seconda guerra mondiale dal peso di circa 250 libbre (circa 113 chili) quella che sta per essere rimossa oggi, domenica 8 settembre 2019, nel territorio del comune di Battipaglia, in provincia di Salerno. Per effettuare il disinnesco dell’ordigno ancora in grado di procurare gravissimi danni sono stati chiamati gli artificieri del 21° Reggimento Guastatori di stanza a Caserta ed inquadrati nella Brigata Bersaglieri “Garibaldi” che dalle prime ore dell’alba sono già al lavoro.

Gli artificieri del 21° Reggimento Guastatori di Caserta, infatti, sono presenti sul posto dall’inizio della settimana per realizzare opere di “barricamento”, con scavi di ventilazione/trinceramento, necessarie per poter procedere alla bonifica. E, sono iniziate le operazioni di evacuazione di 36mila persone per consentire le operazioni di bonifica. Le operazioni, come ha fatto sapere la Prefettura di Salerno, sono iniziate alla ore 5.00 e potranno protrarsi per 8/12 ore.

Sono in totale 36.177 le persone (19.995 famiglie) che stanno per lasciare la propria abitazione. I mezzi della Protezione Civile regionale stanno passando al setaccio la zona rossa (estesa per un raggio di 1.600 metri dal punto di ritrovamento della bomba), annunciando con gli altoparlanti che “l’evacuazione è in corso, i cittadini devono lasciare le abitazioni”. Le forze dell’ordine stanno presidiando i varchi di chiusura, impedendo l’accesso a chiunque. Decine di ambulanze di associazioni di volontariato stanno, invece, provvedendo a recuperare e trasportare nei centri di accoglienza i pazienti allettati.

Nella struttura allestita in via Rosa Jemma sono arrivate – soprattutto con le navette allestite dal Comune di Battipaglia – centinaia di persone, tra cui diversi bambini. Anche una donna incinta, accompagnata dal marito e dai due figli piccoli, ha scelto di essere ospitata nei locali dell’istituto scolastico “Ferrari”. Molte famiglie hanno portato con sé anche il proprio animale domestico (cani e gatti) in quanto il centro è adibito pure all’accoglienza degli amici a quattro zampe. I volontari della protezione civile stanno servendo la colazione (latte e biscotti) offerta dalla Centrale del Latte. Alle 5.30 è scattata la chiusura delle rampe di uscita dello svincolo autostradale di Battipaglia. Alle 9,30, poi, saranno completamente chiuse anche le rampe d’ingresso in A2.

Saranno, inoltre, interrotte la circolazione sulla SS18 “Tirrena Inferiore” (tra i km 71,800 e 76,800) e quella ferroviaria (linea Salerno-Reggio Calabria e linea Battipaglia-Potenza- Oltre alla popolazione saranno evacuati l’ospedale “Santa Maria della Speranza”, le sedi di Commissariato di P.S., il Comando Compagnia Carabinieri, il Nucleo Operativo Guardia di Finanza, il Municipio ed il Comando della Polizia Locale. Anche l’erogazione dei servizi essenziali, in particolare energia elettrica, gas, linee telefoniche fisse e mobili, verrà sospesa. Per gli artificieri dell’Esercito Italiano (per inciso i migliori al mondo), nella fattispecie gli specialisti nella bonifica di ordigni esplosivi del 21° Reggimento Genio Guastatori, coordinati dal Comando Forze Operative Sud di Napoli, l’operazione non è la prima e non sarà neppure l’ultima dall’inizio dell’anno.

L’Esercito grazie alla capacità “dual-use” dei Reparti dell’Arma del Genio, oltre all’impiego operativo nelle missioni internazionali, è in grado d’intervenire in casi di necessità per la sicurezza e l’incolumità pubblica, nella bonifica degli ordigni bellici così come nei casi di pubbliche calamità. Ed è l’unica Forza Armata preposta alla formazione degli artificieri di tutte le Forze di Polizia, delle altre Forze Armate e dei Corpi.