Il 21 giugno si celebra la giornata nazionale AIL per la lotta contro leucemie, linfomi e mieloma

Anche quest’anno i contribuenti italiani possono destinare il 2, 5 e 8 per mille del proprio Modello Unico/730 ad una vasta platea di enti, fra cui l’AIL, il cui codice è: 80 10 23 90 582. Oggi si festeggia la 15° edizione della Giornata Nazionale per la lotta contro Leucemie, Linfomi e Mieloma, posta sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e istituita permanentemente dal Consiglio dei Ministri

CASERTA – La data scelta, il 21 giugno, coincide con l’inizio dell’estate e rappresenta simbolicamente un messaggio di speranza e di solidarietà per rafforzare idealmente l’impegno di tutti i cittadini nella lotta contro i tumori del sangue.

La Giornata è un’occasione speciale per sensibilizzare alla lotta contro i tumori del sangue, illustrare i progressi della ricerca scientifica ed essere ancora più vicini ai malati ematologici, adulti e bambini, anche in un momento come questo che ci costringe a vivere fisicamente distanti.

Anche quest’anno la Giornata AIL è un’occasione per ricordare che la cooperazione è il primo strumento di sostegno per tutti coloro che sono impegnati a migliorare la qualità della vita e le aspettative dei pazienti e delle loro famiglie.

AIL opera al fianco dei pazienti ematologici e dei loro familiari tutto l’anno, ma in occasione della Giornata Nazionale per la lotta contro leucemie, linfomi e mieloma è importante ricordare l’opera delle 81 sezioni provinciali AIL che anche durante l’emergenza sanitaria da Covid-19 si sono adoperate su tutto il territorio nazionale per garantire e implementare, compatibilmente con le attività consentite dai decreti legge emanati dal Governo, i servizi di assistenza ai pazienti ematologici.

In particolare sono stati potenziati il supporto ai reparti di ematologia, il supporto psicologico telefonico e le Cure domiciliari per adulti e bambini, essenziali sempre ma ancora di più oggi. Le cure domiciliari sono un servizio utile per evitare il ricovero in ospedale a tutti i pazienti che possono essere curati nella propria casa con l’aiuto di familiari e amici; il modo più efficace per migliorare loro la qualità della vita e per aiutarli a lottare al meglio contro la malattia.

I volontari e tutto il personale AIL hanno anche collaborato all’attivazione di nuovi servizi dedicati ai pazienti come la consegna domiciliare di farmaci, della spesa, e la distribuzione presso i reparti di dispositivi medici e di protezione individuale.

Anche quest’anno i contribuenti italiani possono destinare il 2, 5 e 8 per mille del proprio Modello Unico/730 ad una vasta platea di enti, fra cui l’AIL, il cui codice è: 80 10 23 90 582.

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato lo scorso 3 aprile 2020, gli elenchi dei beneficiari del 5 per mille 2018. L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato in anticipo gli elenchi per la destinazione del 5 per mille 2018, con i dati relativi alle preferenze espresse dai contribuenti nella propria dichiarazione dei redditi per venire incontro ai quasi 57mila enti tra volontariato, ricerca sanitaria e scientifica, associazioni sportive dilettantistiche, beni culturali e paesaggistici ed enti gestori delle aree protette.

La top ten vede le seguenti organizzazioni, con l’ingresso del Meyer, la crescita di AIRC, IEO, AIL, Save the children, Lega del Filo d’Oro. L’elenco degli ammessi comprende in totale 56.908 enti, suddivisi per categoria: in cima alla classifica gli enti del volontariato (46.312), a seguire le associazioni sportive dilettantistiche (9.892), gli enti impegnati nella ricerca scientifica (480), quelli che operano nel settore della sanità (106), gli enti dei beni culturali e paesaggistici (94) e gli enti gestori delle aree protette (24).