Il caso Milik a Napoli, fuori squadra

CASTEL VOLTURNO – Cosa sta succedendo all’interno della rosa del Napoli ed in particolare all’attaccante azzurro polacco, A. Milik, messo al momento fuori squadra.

Era difficile fare peggio di così. Sia per il Napoli che per Arkadiusz Milik. Rapporti da un po’ di tempo compromessi, il contratto in scadenza a giugno 2021 non verrà rinnovato. E questo lo si era capito già dalla scorsa estate. Quello che ne è seguito, però, ha dell’incredibile.

Il 28 luglio l’ultima partita giocata da Milik in maglia azzurra, contro l’Inter. In estate è stato vicino alla Juve, poi alla Roma, ma alla fine è restato al Napoli. Ed è stato messo fuori rosa. Una scelta di coerenza, secondo la società, che però ha finito per danneggiare soprattutto la squadra di ‘ringhio’ Gattuso. Con gli infortuni di Mertens e Osimhen il polacco, che in questi mesi è sempre a libro paga, sarebbe stato utilissimo. Anche perché non ha mai smesso di allenarsi: “Arek Milik si è comportato sempre da vero professionista e lo sta facendo tuttora, si allena anche due volte al giorno”, ha spiegato ieri l’intermediario Fabrizio De Vecchi.

POTEVA SERVIRE L’ATTACCANTE AZZURRO? – Certo, dietro la scelta di escluderlo ci sono tante incomprensioni, vecchie pendenze economiche mai risolte col presidente De Laurentiis. La multa per l’ammutinamento post Salisburgo, lo scorso anno, poi un’altra questione legata allo sfruttamento dei diritti d’immagine. Milik forse avrebbe potuto evitare la pubblicità al ristorante di Katowice (di sua proprietà, tra l’altro), ma al Napoli non sarebbe convenuto, una volta capito quanto fosse necessario averlo in campo, reinserire – anche temporaneamente – l’ex Ajax in rosa?

COSA SUCCEDE A GENNAIO – Ma Tant’è, oramai appare anche difficile tornare indietro. Presto Rino Gattuso potrebbe riavere il nigeriano Osimhen, Dries Mertens è partito con la squadra già per la trasferta di Udine. Resta ora da capire come si evolverà la vicenda Milik. Il Napoli ha rifiutato le ultime offerte da 5 milioni di euro arrivate da Marsiglia e Atletico Madrid“C’è la sensazione che il club preferisca tenerlo in tribuna e perderlo a zero piuttosto che incassare cifre importanti in un momento del genere”, diceva ieri De Vecchi. Questo, anche secondo quanto raccolto da calciomercato.com, è al momento lo scenario più plausibile. De Laurentiis ancora oggi chiede 15 milioni per liberarlo subito. Troppo, per tutti. E le vecchie pendenze economiche incidono su una eventuale cessione immediata. Insomma, Milik sembra destinato ad altri cinque mesi da escluso eccellente. E da svincolato, a giugno, per lui potrebbero tornare di moda le ipotesi Juve e Inter.

Ripercorriamo uno stralcio la carriera del polacco del Napoli.

All’età di 16 anni era stato convocato dal Tottenham e dal Reading  in GRAN BRETAGNA per sostenere un provino, ma lui alla fine rifiutò per continuare la sua carriera in Polonia.

Il 15 luglio 2015 è diventato ufficialmente il giocatore polacco testimonial del videogioco di simulazione calcistica FIFA2016, affiancando Lionel Messi, sulla copertina del gioco nel suo paese. È sponsorizzato dalla nike.

Caratteristiche tecniche

È una prima punta mancina che sa disimpegnarsi anche come seconda punta o ala esterno di attacco, soprattutto a destra. Possiede un tiro potente e preciso che gli consente di essere un ottimo finalizzatore, anche sui calci di punizione, ed è molto abile nei colpi di testa.

Carriera

Gli Inizi

Cresce calcisticamente nel Gornik Zabzre, dove viene aggregato stabilmente in prima squadra a partire dalla stagione 2011/12. Fa il suo esordio da titolare a 17 anni nella trasferta pareggiata per 1-1 contro lo Slask Wroclaw, servendo l’assist per il gol di Pawel Olkoski. Realizza i suoi primi gol con la maglia dei polacchi nel match casalingo vinto per 2-0 contro il Korona Kielce. Il 1º gennaio 2013 passa al Bayer Leverkusen per 2,6 milioni di euro. Il 2 febbraio esordisce coi tedeschi nella partita persa 3-2 contro il Borussia Dortmund. Il 30 agosto 2013 viene mandato in prestito stagionale all’ Augusta, squadra con cui trova il primo gol in Bundesliga, contro il Borussia Monchegladbach, il 27 settembre. In campionato gioca 18 partite segnando 2 gol.

Ajax

Il 1º luglio 2014 passa in prestito con diritto di riscatto (fissato a 2,8 milioni di euro e avvenuto un anno dopo) agli olandesi dell’Ajax Nella stagione 2014-2015 si laurea capocannoniere della KNVB  beker con 8 gol, nonché miglior marcatore della squadra in Eredivisie con 11 gol in 21 presenze. Esordisce inoltre in Uefa Champions League. Con la maglia dei “lancieri” disputa due stagioni, segnando complessivamente tra campionato e coppe 47 gol in 75 partite.

Napoli

Milik con il Napoli  nel 2019, durante il riscaldamento.

Il 2 agosto 2016 viene acquistato a titolo definitivo dal  Napoli per 32 milioni di euro più un milione di bonus. Sceglie la maglia nº 99. Il 21 agosto seguente fa il suo esordio con la maglia degli azzurri e in Serie A nella partita Pescara-Napoli (2-2), subentrando a  Manolo Gabbiadini.  Nella giornata successiva, il 27 agosto, trova i primi gol con il Napoli realizzando una doppietta nella vittoria interna contro il Milan(4-2). Sempre con una doppietta, il 13 settembre, esordisce in maglia azzurra in Champions League, decidendo la gara della fase a gironi contro la Dinamo Kiev (1-2). A seguito della rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro in nazionale, resta lontano dal terreno di gioco per quattro mesi, tornando in campo nel febbraio del 2017.

Agli inizi della sua seconda stagione in azzurro, il 23 settembre, durante la sfida in trasferta contro la SPAL, Milik riporta la rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio destro: operato il giorno seguente, rientra in campo il 3 marzo 2018 nella sconfitta contro la Roma. L’8 aprile, dopo più di otto mesi, torna al gol nella partita vinta contro il Chievo Verona  servendo peraltro l’assist ad Amadou Diawara per il gol vittoria.

Il 13 gennaio 2019, al suo terzo anno al Napoli, Milik porta a segno il suo primo gol in Coppa Italia, aprendo le marcature dell’incontro degli ottavi di finale Napoli-Sassuolo (2-0). Il 7 marzo seguente il polacco trova il suo primo centro in azzurro in Europa League nella vittoria casalinga contro il Salisburgo (3-0).

Conclude l’annata come miglior marcatore stagionale dei partenopei.

Nel suo quarto anno in azzurro, segnato da numerosi problemi fisici, Milik sigla la sua prima tripletta europea nella vittoria di Champions League contro il Genk, (4-0).[21] Il 17 giugno 2020, nella finale di Coppa Italia contro la Juve, terminata 0-0 dopo i tempi regolamentati, il polacco segna il rigore decisivo che consegna la vittoria del trofeo al Napoli: si tratta peraltro del primo titolo in carriera di Milik.

Nella stagione successiva, giunto in scadenza di contratto e dopo aver rifiutato diverse opportunità di trasferimento, è escluso dalla lista giocatori per il campionato, venendo di fatto relegato fuori rosa.

Nazionale

Milik con la maglia della nazionale polacca nel 2013

Viene convocato per gli Europei 20116 in Francia  siglando nella gara d’esordio il goal decisivo per la vittoria (1-0) contro l’ Irlanda del Nord.

L’8 ottobre 2016 resta vittima di un grave infortunio con la maglia della nazionale: durante la partita di qualicazione al mondiale 2018 vinta a Varsavia per 3-2 contro la Danimarca, in seguito ad uno scontro di gioco con Jannik Vestergaard, riporta la rottura totale del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro. Dopo essere subentrato dalla panchina nella sua partita di ritorno in nazionale sempre contro i danesi, gioca da titolare 3 giorni dopo nella partita contro il Kazakistan, aprendo le marcature nel successo per 3-0 della sua nazionale.

Viene convocato per il Mondiale  2018, dove tuttavia ha disputato solo una partita (la prima per l’esattezza), per scelta tecnica, deludendo come tutta la squadra uscita da ultima nel girone.

 

Statistiche

Presenze e reti nei club

Statistiche aggiornate al 24 dicembre 2020.

StagioneSquadraCampionatoCoppe nazionaliCoppe continentaliAltre coppeTotale
CompPresRetiCompPresRetiCompPresRetiCompPresRetiPresReti
2011-2012Polonia Górnik ZabrzeEK244CP10254
2012-gen. 2013EK147CP11158
Totale Górnik Zabrze3811214012
gen.-giu. 2013Germania Bayer LeverkusenBL60CG00UEL2080
2013-2014Germania AugustaBL182CG20202
2014-2015Paesi Bassi AjaxED2111CO38UCL+UEL5+41+33323
2015-2016ED3121CO20UCL+UEL2[31]+7[32]1[31]+2[33]4224
Totale Ajax5232581877547
2016-2017Italia NapoliA175CI20UCL43238
2017-2018A155CI00UCL+UEL2+01+0176
2018-2019A3517CI21UCL+UEL4+60+24720
2019-2020A2611CI40UCL533514
2020-2021A00CI00UEL00SI0000
Totale Napoli93388121912248
Totale carriera2078317104116265109