Il comune di Santa Maria la Fossa condannato a risarcire dipendente demansionato

54.000 euro più interessi e rivalutazione monetaria. Questa la somma riconosciuta al dipendente G.C. del Comune di Santa Maria La Fossa (CE), con sentenza del giudice del lavoro di Santa Maria Capua Vetere pubblicata oggi. G.C., a causa di un procedimento penale a suo carico, era stato trasferito da responsabile dell’ufficio tecnico a compiti semplici ed elementari quali fare fotocopie ecc. Il difensore del dipendente, l’avvocato Domenico Carozza, aveva fatto notare al giudice che, anche in occasione di procedimento penale a carico, il dipendente pubblico può cautelativamente essere trasferito ad altro ufficio dal datore di lavoro pubblico, purché, però, in compiti equivalenti, cioè aventi i requisiti dell’inquadramento professionale previsto dal contratto collettivo. Sia il giudice di primo grado che quello d’appello hanno aderito alla tesi del difensore del lavoratore e condannato il Comune di Santa Maria La Fossa al risarcimento danni da demansiomamento.