AGM Servizi Sanitari 582×215

Il sindaco De Filippo spiega il perchè dei ritardi sull’abbattimento del Ponte Vapore

Maddaloni. Abbiamo raccolto, a seguito del nostro articolo uscito nella serata di ieri sui ritardi dell’abbattimento del Ponte Vapore, la dichiarazione del primo cittadino Andrea De Filippo, sul motivo dei ritardi dell’apertura di questo cantiere cruciale per la città:

Tengo a precisare che il progetto del Ponte Vapore l’amministrazione lo ha presentato ancor prima che ci fosse il sequestro nel mese di febbraio di quest’anno. I finanziamenti sono stati stanziati. Anche RFI, affidataria dei lavori   è pronta, così come la ditta  che dovrà svolgere materialmente l’opera. Quella che si fa ancora attendere è l’autorizzazione del magistrato. Essendo un cantiere sotto sequestro, il magistrato che sta seguendo la pratica ha richiesto tutta una serie di documentazioni che sta esaminando prima di dare l’ok definitivo. Pertanto il ritardo non è da imputarsi a noi. Tolto il periodo di lockdown, che ha fermato ogni attività, a settembre noi eravamo già pronti.”

Fatta chiarezza anche su questo aspetto, attendiamo il magistrato e confidiamo nella sua celerità, affinchè Maddaloni non diventi una Berlino in miniatura, senza avere neanche schieramenti contrapposti, ma solo un cantiere che impedisce il transito da e verso il centro della città